MotoGP Francia, Petrucci: "Ora serve una grande gara"

Marquez: "Credo che il più pericoloso per domenica sarà Vinales"

  • A
  • A
  • A

Danilo Petrucci si gode il 2° posto in qualifica a Le Mans, miglior risultato da quando è diventato pilota ufficiale Ducati: "Pressione su di me? C'è sempre stata, ci sono abituato - ha detto il ternano - Abbiamo fatto una buona strategia uscendo subito, visto che poi le condizioni sono peggiorate. È stata una bella qualifica, ora ci vuole una bella gara. Sono contento di essere in questa posizione".

Marquez ha confermato che la strategia di tentare subito il giro veloce è stata quella vincente: "Ho capito da subito che il primo giro poteva essere quello buono, ho fatto un bel giro secco e anche se sono caduto nel secondo tentativo eravamo già a posto. Poi sono rimasto dentro per capire un po' meglio il setup e fare qualche piccola modifica alla moto. Ci siamo, il passo è buono e siamo pronti a lottare per il podio. La scelta delle gomme? Quando Vale ha messo le slick in Q1 ci hanno pensato tutti. Alla fine abbiamo fatto la scelta più conservativa ed è andata bene, alla fine ci stiamo giocando un mondiale. La gara? Qui le Ducati vanno forte e anche le Yamaha. Credo che Maverick sia il più pericoloso, ma occhio anche a Dovi e Petrucci che qui hanno fatto una bella gara nel 2018. Raggiunto Rossi a quota 55 pole? Sono contento, adesso ce la giocheremo perché penso che lui ne possa fare qualcuna quest'anno, io però ho 26 anni...".

Felice anche Jack Miller, specialista della pioggia, ma ritrovatosi in una condizione mista che non lo ha messo esattamente a suo agio: "In realtà non mi piacciono molto queste condizioni, ma sono andato bene - ha detto l'australiano della Ducati Pramac - C'era molta incertezza per il meteo, ma si sentiva nell'aria che stava arrivando la pioggia e perciò dovevo sfruttare al massimo il primo giro: è quello che ho fatto e sono contento".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments