Moto3, Fenati torna a sorridere: è in pole in Austria. Poi la beffa

A 11 mesi dal "fattaccio" di Misano e dopo la retrocessione dalla Moto2 il pilota marchigiano torna davanti a tutti, ma solo per qualche ora

  • A
  • A
  • A

Potrebbe essere l'inizio di una nuova vita motociclistica per Romano Fenati. A quasi un anno da quella tirata di freno nei confronti di Manzi che gli costò la squalifica, la revoca della licenza e il licenziamento in tronco da parte del team Marinelli di Moto2, il pilota ascolano è tornato a mettersi tutti alle spalle. Lo ha fatto nelle qualifiche del GP d'Austria, chiudendo il giro in 1'36''460, dopo essere per altro passato dal Q1. La pole gli mancava dal GP di Silverstone del 2017, ma ora l'obiettivo è tornare sul podio (l'ultimo lo conquistò con la vittoria di Motegi, sempre nel 2017) per provare a rilanciare davvero una carriera che soltanto 11 mesi fa sembrava davvero finita.

PENALIZZATO: NON PARTIRA' PRIMO IN GRIGLIA

Diverse ore dopo, però, è arrivata la beffa. Fenati, infatti, è tra i ben 16 piloti penalizzati per aver volontariamente rallentato in maniera pericolosa durante le qualifiche. Per questo gli è stato cancellato il suo giro più veloce nel Q2. Niente partenza davanti a tutti e seconda casella in griglia.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments