MOTOMONDIALE

L'eredità di Gresini: il suo team passa alla moglie, coinvolti anche ai figli

Nadia Padovani è il nuovo ad di Gresini Racing e diventa team owner e team principal. Arruolati anche i giovani Lorenzo e Luca

  • A
  • A
  • A

A due mesi dalla scomparsa di Fausto Gresini, il suo team ha cambiato proprietario, ma è rimasto in famiglia. La squadra che corre in tutte le classi del Motomondiale, infatti, ha visto il coinvolgimento ufficiale di Nadia Padovani, moglie dell'ex campione del mondo, come nuova amministratrice delegata di Gresini Racing. Nadia subentra in tutto e per tutto a Fausto, acquisendone così il titolo di team owner e team Principal.

Vedi anche Gresini, a Imola l'ultimo saluto in forma privata Motogp Gresini, a Imola l'ultimo saluto in forma privata Anche i figli Lorenzo e Luca saranno protagonisti di questa avventura, con il primo che sarà coinvolto soprattutto nella parte amministrativa dell’azienda, mentre il secondo avrà un ruolo più sportivo e già da Jerez sarà presente in circuito per seguire la squadra.

Adesso l'obiettivo è quello di restare in MotoGP, ma come team indipendente, dopo che alla fine di questa stagione si chiuderà il rapporto diretto con Aprilia. Ancora non si sa con che moto (si parla di Ducati), ma l'annuncio dovrebbe essere dato a breve.

“Mi piace pensare che le due famiglie di Fausto, la nostra e quella Racing, si siano unite per portare avanti tutto ciò che stava pianificando e in particolare il progetto MotoGP. Tornare ad avere una squadra nella massima categoria come team indipendente è senza dubbio qualcosa di molto impegnativo, con una squadra da creare da zero, ma so che tutti in azienda stanno dando il 110% per realizzare il suo sogno. Personalmente la vedo come una vera e propria missione, una sfida che affronteremo, anche e soprattutto, grazie alla forza di Fausto che da lassù ci segue. Al momento stiamo parlando con varie case costruttrici e nel giro di qualche settimana comunicheremo i dettagli del nostro progetto MotoGP”, ha spiegato Nadia Padovani.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments