IL CAMPIONE

Bagnaia: "Gara più difficile della mia vita. Campione, suona bene"

Emozione e festa per Pecco Bagnaia, campione del Mondo bis dopo il titolo vinto in Moto2 nel 2018

  • A
  • A
  • A

Francesco Bagnaia è campione del Mondo MotoGP al termine di una delle gare più complicate della sua stagione. Partito ottavo e nono al traguardo, il finale di gara a Valencia è il più dolce di sempre per il pilota Ducati che, dato il contemporaneo quarto posto di Quartararo, mette le mani sul secondo titolo iridato in carriera. Felicità e tanta emozione per il pilota italiano che ha commentato così il traguardo raggiunto: "Bagnaia campione del Mondo, suona bene".

Vedi anche Bagnaia-Quartararo, l'abbraccio nel parco chiuso Motogp Bagnaia-Quartararo, l'abbraccio nel parco chiuso "È stata la gara più dura della mia vita e della mia carriera. Volevo arrivare tra i primi cinque, ma ho sofferto tanto e la moto era impossibile da controllare. L'importante è che sono campione, è una giornata incredibile. Sono davvero felice" le parole del neo campione.

Bagnaia ha poi aggiunto: "Emozione unica, abbiamo lavorato tanto per arrivare a questo, a essere campioni. Non mi rendo conto, è incredibile ed è una delle emozioni più belle di sempre. Forse è stata una delle gare più difficili di sempre perché stavo lottando con Quartararo, poi ho perso l'aletta e ho sofferto tanto e contavo i giri al termine. Ho gestito, ho fatto fatica nelle curve a destra. Sono orgoglioso per essere arrivati qui con margine per poterci permettere quello che abbiamo fatto oggi".

"PAURA DI ARRIVARE 15°"
Campione del Mondo sì, ma con tanta preoccupazione: "È stato un weekend devastante per me, ma nel warm up mi sono tolto davvero un peso perché sono tornato ad avere feeling. Ero preoccupato di arrivare 15°, ma stamattina siamo tornati alla moto di sempre. L'inizio gara mi ha fatto capire che abbiamo usato la giusta strategia, ovvero pizzicare Quartararo per far allungare il gruppo di testa. Ho fatto 3-4 sorpassi bellissimi con lui, ci siamo toccati e tutta l'azione è stata molto bella. Avevamo margine per arrivare davanti, ma sapere che lui poteva vincere e io potevo incappare in qualche errore mi ha preoccupato. Abbiamo gestito, limitato i rischi ed è stato bello".

"Al Pecco di ieri direi di stare tranquillo, che può farcela. Ieri in clinica è stato divertente, abbiamo smorzato i toni anche con Fabio. Poi si è fatta complicata in serata, ma ho trovato il modo per pensare ad altro e tranquillizzarmi" ha raccontato. "Abbiamo compiuto qualcosa di grande, ora serve consapevolezza" ha aggiunto.

"CON QUARTARARO AMICI"
"Il duello finale, quello che ha portato al titolo, è stato con un grande amico e collega come Quartararo: "Con Fabio siamo amici e sappiamo che dobbiamo lottare quando c'è da lottare, ma sempre con rispetto reciproco. Abbiamo lottato per lo stesso traguardo, sono davvero orgoglioso di aver fatto battaglia contro Quartararo questa stagione".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti