Milan-Bakayoko: il Chelsea non fa sconti per il riscatto, serve la Champions

I Blues vogliono 35 milioni di euro per lasciare il centrocampista in rossonero

Milan-Bakayoko: il Chelsea non fa sconti per il riscatto, serve la Champions

Il Chelsea è deciso a mettere il bastone tra le ruote nel riscatto di Bakayoko da parte del Milan. Dopo i primi mesi da oggetto misterioso, il centrocampista si è preso spazio e applausi in rossonero diventando un perno fondamentale nella rincorsa Champions di Gattuso. Il Milan, che lo ha in prestito, vorrebbe riscattarlo ma contrariamente a quanto sembrava all'inizio i Blues non vogliono fare sconti: servono 35 milioni di euro.

Del resto il club inglese non ha alcun interesse ad accettare una cifra più bassa di quella pattuita la scorsa estate con il diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro. Un giocatore rigenerato dalla cura milanese e che potrebbe fare comodo anche ai londinesi, soprattutto col mercato bloccato. Ecco perché dal Chelsea arrivano segnali negativi sullo sconto e in sede al Milan i conti dovranno essere fatti molto bene, soprattutto in chiave Fair Play Finanziario.

La società rossonera infatti non potrà darsi alle spese pazze in estate, ma dovrà rispettare paletti precisi imposti dalla Uefa. Diventa evidente che solo con la qualificazione alla prossima Champions League, e quindi con gli introiti a essa collegata, Bakayoko potrà essere un giocatore del Milan anche nella prossima stagione.

TAGS:
Mercato
Milan
Chelsea
Bakayoko

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X