MERCATO

Frattesi: "Prossimo step ancora in Serie A, sarà un'estate importante"

Il centrocampista azzurro dal ritiro della Nazionale: "Vorrei giocare delle partite con un appeal diverso"

  • A
  • A
  • A

Davide Frattesi ha parlato del suo futuro e delle voci di mercato che lo riguardano dal ritiro della Nazionale. "Sarà un'estate importante, bisognerà prendere delle decisioni importanti -ha spiegato il centocampista azzurro nel mirino di Juve, Roma, Inter e Milan -. E' sempre un piacere trovarsi in mezzo a questi discorsi, vuol dire che le cose fatte in passato sono state quelle giuste". "Devo continuare a lavorare così e poi al resto ci penseranno Carnevali e gli altri - ha aggiunto -. Ho detto al mio procuratore di chiamarmi solo in caso di cose importanti". 

Vedi anche Sassuolo, Frattesi accende il mercato Mercato Sassuolo, Frattesi accende il mercato

"Cose importanti" che comunque dovrebbero restare ancora confinate ai club di Serie A a quanto pare. "Nella mia carriera sono sempre andato avanti step dopo step, almeno nella mia testa bisogna fare prima un altro passaggio in una squadra italiana e poi solo dopo andare fuori - ha spiegato Frattesi -. Sono convinto che prima o poi ci andrò, ma bisogna andarci pronti".

L'unica cosa importante per il centrocampista neroverde è fare attente valutazioni tecniche e continuare a crescere. "La voglia di giocare in un top club incide non per il blasone della squadra, ma perché vai a giocare delle partite con un appeal diverso capaci di dare più spessore alle tue esperienze", ha precisato. "Vanno fatte considerazioni anche in base al modulo - ha aggiunto -. Un centrocampo a tre con la mezzala è sicuramente diverso rispetto a un centrocampo a due". Di sicuro a Frattesi comunque non servono garanzia relative al minutaggio. "Non è fondamentale, in un top club nessuno può darti garanzie", ha spiegato. 

Vedi anche Italia, i 23 convocati di Mancini per la Nations League Nations League Italia, i 23 convocati di Mancini per la Nations League

"Quest'anno all'inizio non è stato facile, ma devo ringraziare il Sassuolo e il mister che mi hanno permesso di fare le cose con calma - ha continuato -. Il mio modello di riferimento è Barella. In Italia è il migliore sotto questo punto di vista. Ho la possibilità di studiarlo da vicino e sicuramente è una fonte di ispirazione per me anche perché fa assist". "Devo costruire di più il gioco, ci sto lavorando -  ha concluso -. E poi migliorare nell'ultimo passaggio, è un'altra cosa su cui devo migliorare".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti