PREMIER LEAGUE

Premier League, Danjuma al Tottenham dopo le visite con l'Everton: Toffees furiosi

Decisivo l'esonero di Frank Lampard, che si era esposto in prima persona per convincere l'attaccante olandese del Villarreal

  • A
  • A
  • A

Sta facendo parecchio discutere il passaggio di Arnaut Danjuma dal Villarreal al Tottenham. L'attaccante olandese, infatti, alle porte dello scorso weekend aveva trovato un accordo per il trasferimento all'Everton, tra sabato e domenica aveva svolto le visite per conto dei Toffees e sembrava tutto fatto per il suo approdo nel Merseyside. Poi, però, qualcosa è cambiato: gli Spurs si sono inseriti e nel giro di poche ore hanno completato lo scippo, scatenando l'ira dell'Everton e dei suoi tifosi. Ora Danjuma è pronto a mettersi a disposizione di Antonio Conte: arriva con la formula del prestito secco.

Alla base del clamoroso dietrofront ci sarebbe l'esonero di Frank Lampard, che si era esposto in prima persona per convincere il bomber di origini nigeriane ad aiutare la squadra a raggiungere una complicata salvezza (l'Everton è penultimo in classifica e non vince da ottobre). Appena un paio di giorni fa Danjuma aveva pubblicato un tweet dal contenuto emblematico: "Born ready", a conferma del fatto che fosse pronto ad affrontare la nuova sfida.

Ora, però, la sfida sarà di tutt'altro tenore: il Tottenham è in lotta per un posto nelle prime quattro ed è agli ottavi di Champions League, dove il 14 febbraio affronterà il Milan a San Siro nella gara d'andata. Danjuma, per altro, è stato tra i mattatori della Juventus nella passata stagione, avendo segnato il gol del definitivo 0-3 allo Stadium che eliminò i ragazzi di Allegri un anno fa. In questa stagione ha invece fatto più fatica a trovare continuità, ha messo a referto solo 4 gol tra Liga e Conference League e non gioca una partita da titolare da prima dei Mondiali.

Vedi anche Premier League, il Tottenham passa sul Fulham: 1-0 e Kane nella leggenda Calcio estero Premier League, il Tottenham passa sul Fulham: 1-0 e Kane nella leggenda

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti