Manchester City, Guardiola potrebbe lasciare nel 2020

Come successe a Barcellona, Guardiola pensa di lasciare Manchester dopo 4 stagioni (e magari la Champions vinta)

Manchester City, Guardiola potrebbe lasciare nel 2020

Il divorzio tra Manchester City e Pep Guardiola avverrà ma con un anno di ritardo rispetto ai sogni dei tifosi della Juventus. Se la strada della panchina bianconera porta a Sarri, anche in Inghilterra iniziano a convincersi che l'addio del catalano sia solo una questione di tempo: una stagione, la prossima. Quando Guardiola sarà arrivato alla quarta stagione consecutiva nello stesso club, soglia oltre la quale non si è mai spinto in carriera da allenatore, e, magari, con una Champions League in bacheca.

Uno scenario che ricalcherebbe quello del 2012 quando Pep salutò il Barcellona e si prese un anno sabbatico prima di ripartire, nel 2013/14, dal Bayern Monaco.

La stagione appena finita, nonostante la delusione europea, è stata massacrante dal punto di vista psicologico, a maggior ragione per uno maniacale come Guardiola: la Premier League vinta sul filo di lana contro il Liverpool e i trionfi in FA Cup e Coppa di Lega hanno sfiancato l'allenatore, ben contento di prendersi un lungo periodo di vacanza a New York.

Il tempo di ricaricare le pile per l'ultima sfida al City, vincere quella Champions League che lo farebbe diventare - ancor di più - una divinità dalle parti della Manchester biancazzurra. Poi, un anno di totale relax e aggiornamento professionale per svuotare la mente prima di ripartire nell'estate del 2021 con una nuova avventura. A quel punto sì, potrebbe avere le tinte tricolori dell'Italia...

TAGS:
Manchester city
Guardiola
Addio
Anno sabbatico
Juventus

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X