Formula E, round Messico: Di Grassi beffa Wehrlein sul traguardo

Incredibile E-Prix: incidente Piquet-Vergne, bandiere rosse e alla fine soprasso incredibile del pilota Audi sulla bandiera a scacchi

  • A
  • A
  • A

Il quarto round del campionato di Formula E 2018/19 è stato anche il oiù emozionante: in Messico vince Lucas Di Grassi (Audi) con una manovra pazzesca sul traguardo, soffiando a Pascal Wehrlein (Mahindra e che partiva anche dalla pole) un successo che sembrava scritto. Ottimo terzo posto per Edoardo Mortara (Venturi). Nelle fasi iniziali di gara, tamponamento di Piquet su Vergne: bandiera rossa e gara sospesa per diversi minuti.

Nel caldo rovente di Mexico City, Wehrlein parte davanti a tutti e sembra in grado di tenere testa a Di Grassi e Massa (alla miglior qualifica stagionale) ma dopo pochi giri arriva già il primo colpo di scena: Piquet non si accorge della frenata di Vergne e lo tampona finendogli sopra la ruota posteriore sinistra, la Jaguar vola e costringe i commissari a sventolare la bandiera rossa.

Gara interrotta, si riprende dopo diversi minuti e i commissari decidono di optare per 40 minuti di gara più un giro. Wehlrein continua a fare l'andatura con Rowland e Di Grassi minacciosi alle sue spalle. A nove minuti dalla fine inizia il capolavoro di strategia di Di Grassi: si prende un boost e lo usa per posizionarsi dietro il leader della gara. Il tedesco della Mahindra si difende con i denti ma, per fare ciò, dilapida tutta la riserva di energia arrivando al rettilineo finale con lo 0% di potenza residua, Di Grassi invece sfrutta l'energia rimastagli (1%) per superarlo sulla destra a pochi metri dalla linea del traguardo e vincendo una gara incredibile.

Beffa doppia per Wehrlein che poi è stato penalizzato di cinque secondi per aver tagliato una chicane durante la bagarre finale con Di Grassi chiudendo sesto. D'Ambrosio, leader del Mondiale davanti a Da Costa (secondo anche in Messico), è quarto mentre Massa chiude ottavo raccogliendo i primi punti stagionali.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments