F1 BAHRAIN

F1 Bahrain, Verstappen: "La macchina c'è, serve dimostrarlo". Ferrari: "Siamo competitivi"

Le parole dei protagonisti delle prime due sessioni di libere sul circuito di Sakhir

  • A
  • A
  • A

La Red Bull e Max Verstappen confermano l'ottimo momento in pista e a Sakhir, nelle prime due sessioni di libere del GP del Bahrain, si impongono davanti a tutti. L'olandese è fiducioso in vista dell'esordio stagionale: "Dobbiamo mostrare in qualifica quello che possiamo fare. Abbiamo una buona macchina, speriamo di poter fare un buon lavoro sabato".

"Oggi è stata una buona giornata, con il caldo non è stato facile trovare il giusto bilanciamento lungo tutto il giro. Spero che domani potremo fare ancora meglio, sembra che sarà ancora più ventoso e quindi più difficile da guidare. Questo però è uguale per tutti, quindi vedremo cosa succederà. Ero a mio agio con la macchina" le parole di super Max.

Dietro di lui, a soli 95 millesimi, la McLaren di Lando Norris: "Credo che sia piuttosto palese quello che accadrà domani. Le prime 4 macchine (Mercedes e Red Bull) saranno davanti a noi, dietro sembra che ci sia una battaglia molto ravvicinata, anche se noi oggi eravamo un po’ più avanti. Ma forse è perché abbiamo mostrato qualcosina in più rispetto agli altri. Domani penso che torneremo nelle posizioni che ci si aspetta che abbiamo. Ho avuto buone sensazioni in macchina. Alcune aree però non hanno dato sensazioni altrettanto buone. Lì c’è il margine di miglioramento. Se riusciremo a farlo domani sarò contento. Quello sarà il nostro compito“.

Attardato, di 235 millesimi da Verstappen, il campione del mondo iridato Lewis Hamilton: "Durante i test avevamo problemi di gomme e di carico aerodinamico che si sono ridotti. Questo weekend sembra che le cose vadano meglio, ma non è ancora perfetto. Ci sono tante persone che stanno lavorando dietro alle quinte, abbiamo tanto margine di miglioramento. Siamo sulla strada giusta. Red Bull? Pensavamo fossero così veloci, forse anche di più. Sembra vada bene anche la McLaren, vedremo come andranno sul lungo termine".

Vedi anche  Libere 2 in Bahrain: bis di Verstappen, Mercedes e Ferrari inseguono ma la sorpresa è Norris Formula 1  Libere 2 in Bahrain: bis di Verstappen, Mercedes e Ferrari inseguono ma la sorpresa è Norris SAINZ: "SIAMO TUTTI VICINI, DEVO CAPIRE LA SF21"

Sorrisi velati in casa Ferrari, dove Carlos Sainz Jr. tiene a bada l'entusiasmo nonostante il quarto tempo registrato in FP2: "Abbiamo corso in condizioni diverse: dalle PL1 alla seconda sessione è cambiato il vento. Il bilanciamento della macchina era al limite, in pista è stato complicato. Mi sono sentito meglio nel long run, anche se le Red Bull hanno un po’ più di passo rispetto agli altri. In simulazione qualifica invece siamo tutti vicini. Mi manca ancora un po’ capire come la macchina si adatti alle differenti condizioni. In McLaren appena cambiava il vento sapevo come si sarebbe comportata la macchina. Cambiando team non sai mai come reagirà la macchina ad un cambiamento di condizioni. Stai sempre un po’ al di sotto rispetto al limite della vettura. Mi sto adattando alla guida, la situazione sta migliorando, ma il vento è una variabile e rischiamo di dover ripartire da zero. Ci vuole pazienza, lavoriamo un passo alla volta per capire dove migliorare”.

LECLERC: "PIU' COMPETITIVI DEL PREVISTO"

Nonostante il dodicesimo tempo del pomeriggio, Charles Leclerc guarda i lati positivi del doppio turno di prove: "Oggi la giornata è stata positiva, siamo stati anche più competitivi di quanto ci aspettassimo. Sono andato meglio nella prima sessione, non benissimo invece nelle seconde. Ho faticato un po’ con il posteriore della vettura e non sono riuscito a mettere insieme il giro che volevo. Sento che nella squadra c’è tanta motivazione, penso che il miglioramento rispetto allo scorso anno si noti e questo per il momento ci basta per essere soddisfatti”.

Il monegasco ha poi sottolineato: “Domani sarà il giorno nel quale conosceremo esattamente il nostro valore in rapporto agli avversari perché tutti spingeranno al limite in qualifica, mi aspetto che davanti ci siano le solite vetture, ma nel gruppo di mezzo credo che saremo tutti molto vicini e che la sessione sarà davvero serrata. Questo però la renderà anche eccitante perché per noi piloti. Quello è il momento nel quale possiamo fare la differenza“.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments