ROMA

Roma, le motivazioni della squalifica di Mourinho: "Leso il prestigio di Chiffi e Figc"

Duri i giudici nei confronti dello Special One: "Travalicato il limite delle critiche ammissibili"

  • A
  • A
  • A

Il Tribunale Nazionale della Figc ha reso note le motivazioni che hanno portato alla squalifica di 10 giorni (e alla multa di 50mila euro) nei confronti di José Mourinho, tecnico della Roma, dopo il duro attacco nei confronti dell'arbitro Daniele Chiffi. Le parole del portoghese, secondo i giudici, "senza dubbio travalicano i limiti di un'ammissibile critica all’operato del direttore di gara e costituiscono una aperta violazione dell’art. 23 del codice di giustizia sportiva". Si sottolinea poi che "il sig. Mourinho [...] ha senza dubbio leso gravemente, non solo il prestigio e la reputazione del direttore di gara Chiffi, con giudizi e affermazioni anche di natura personale, ma pure l’organizzazione federale nel suo complesso arrivando a mettere in dubbio i meccanismi di designazione arbitrale".

Nel dettaglio, il Tribunale federale spiega che "i fatti di causa sono invero chiari e non è in realtà in discussione il tenore delle affermazioni rese dal sig. Mourinho successivamente alla gara del campionato di serie A MONZA vs ROMA disputata in data 03.05.2023, di cui v’è ampia evidenza documentale e sono state fedelmente riportate dalla Procura Federale in questa sede.

Orbene le affermazioni del sig. Mourinho rilasciate a tv ed organi di stampa senza dubbio travalicano i limiti di una ammissibile critica all’operato dell’arbitro Chiffi e costituiscono una aperta violazione dell’art. 23, comma 1 CGS, a mente del quale 'ai soggetti dell’ordinamento federale è fatto divieto di esprimere pubblicamente giudizi o rilievi lesivi della reputazione di persone, di società o di organismi operanti nell’ambito del CONI, della FIGC, della UEFA o della FIFA'. Sul punto la giurisprudenza degli organi di giustizia federali è granitica nel precisare che 'costituisce comunque presupposto necessario, per il legittimo esercizio del diritto di critica, la continenza ovvero la correttezza formale e sostanziale dell’esposizione dei fatti, da intendersi nel senso che l’informazione non deve assumere contenuto lesivo dell’immagine e del decoro altrui… È necessario quindi che non sia travalicato il limite della forma nella comunicazione della notizia e che, soprattutto, si eviti di trascendere in espressioni inutilmente disonorevoli e dispregiative o esageratamente aggressive verso la persona oggetto di critica, perché questa non può mai ledere la integrità del soggetto' (Corte Federale d’Appello SS. UU n. 18/CFA/2021-2022/A).

Il sig. Mourinho con le dichiarazioni oggetto di deferimento – chiaramente pubbliche in quanto rese durante interviste giornalistiche ed a tutti note – ha senza dubbio leso gravemente, non solo il prestigio e la reputazione del direttore di gara Chiffi, con giudizi ed affermazioni anche di natura personale, ma pure l’organizzazione federale nel suo complesso arrivando ad indubbiare i meccanismi di designazione arbitrale".

Vedi anche Accuse a Chiffi: multa e squalifica di 10 giorni per Mourinho roma Accuse a Chiffi: multa e squalifica di 10 giorni per Mourinho

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti