NAPOLI-LECCE 1-1

Serie A: Napoli-Lecce 1-1, una magia di Colombo frena Spalletti

Azzurri avanti con Elmas, poi l'ex Milan si fa parare un rigore e realizza il primo gol nella massima serie con un gioiello di sinistro

di
  • A
  • A
  • A

Nella quarta giornata di Serie A, il Napoli non va oltre l'1-1 casalingo contro il Lecce, sale a 8 punti ma manca l'aggancio alla Roma in vetta. Spalletti opta per un ampio turnover e la squadra ne risente. Al 25' Meret para un rigore a Colombo e dopo 2' Elmas la sblocca a pochi passi dalla porta. L'ex attaccante del Milan si fa perdonare trovando il primo gol in A che vale il pareggio con un sinistro dal limite sotto l'incrocio (31'). Nella ripresa l'assalto dei partenopei non porta frutti.

LA PARTITA
Dopo Firenze, il Napoli incappa nel secondo pareggio di fila e dice addio alla vetta della classifica. Un brutto mezzo passo falso per gli azzurri, che non riescono a trovare la zampata vincente nel secondo tempo, quando Spalletti torna sui suoi passi dopo l'estrema rotazione e manda in campo i suoi big. Politano ed Elmas i più attivi, giornata no per Raspadori, Osimhen e Ndombele. Il Lecce porta così a casa un punto meritato, chiudendo tutti gli spazi e bravo a reagire allo svantaggio dopo un rigore sbagliato. Un chiaro segno di personalità che fa ben sperare per il resto del campionato. Notte da ricordare per Colombo, che al Maradona tira fuori un sinistro che il compianto Pibe de oro avrebbe sicuramente apprezzato.

Spalletti opta per un ampio turnover, cambiando 6 uomini rispetto a quelli scesi in campo dall'inizio con la Fiorentina: in difesa spazio a Ostigard e Olivera, a centrocampo tocca a Ndombele ed Elmas, in attacco Politano e prima da titolare per Raspadori alle spalle di Osimhen. Cambia anche Baroni: Pezzella terzino sinistro, Askildsen a centrocampo e davanti Colombo, classe 2022 ex Milan. Come da copione sono i padroni di casa a fare la partita contro un Lecce che chiude bene gli spazi e prova a ripartire con la velocità di Banda e Di Francesco. Il possesso palla dei partenopei è sterile e fine a se stesso, così le prime occasioni sono per i salentini: al 14' Di Francesco calcia male una punizione da posizione defilata, 5' dopo il sinistro di Colombo è lento e centrale. La gara si accende a metà della prima frazione, con Falcone che vola e alza sopra la traversa un sinistro di Politano (21'). Un minuto dopo Ndombele non si accorge dell'arrivo di Di Francesco e lo calcia: Marcenaro assegna il rigore. Sul rigore si presenta Colombo che spiazza Meret, ma l'arbitro fa ripetere perché non aveva ancora fischiato. L'attaccante di scuola Milan cambia angolo, ma Meret vola sulla sua sinistra e respinge. "Gol mangiato, gol subito" recita un vecchio adagio e così il Napoli passa al 27': tiro strozzato di Politano, la palla arriva a Elmas che tutto solo non sbaglia. La gioia del Napoli dura, però, solo quattro minuti, fino al 31' quando Colombo si fa perdonare e dal limite fa partire un sinistro che si infila sotto la traversa. Difficile solo sognare un primo gol in Serie A più bello di questo. Gli azzurri accusano il colpo e stentano a farsi nuovamente pericolosi, mentre i salentini ci provano con Banda (destro altissimo) e Baschirotto (colpo di testa a lato) prima della fine del tempo.

Il Napoli riparte con Lobotka e Zielinski al posto di Ndombele e Raspadori, tornando al più collaudato 4-4-3. E' sempre la coppia Politano-Elmas a creare i maggiori pericoli, ma questa volta Falcone chiude lo specchio sul secondo palo al macedone. I salentini fanno più fatica a uscire dalla propria metà campo e a ripartire e pensa quasi esclusivamente a difendersi, anche se con ordine senza quasi mai andare in affanno. Dopo un tiro di Ostigard alto di poco, Politano regala a Osimhen un assist che il nigeriano schiaccia fuori di testa e prima di lasciare il posto a Lozano fa tremare Falcone con un sinistro che termina a lato di poco. Nel finale l'occasione più ghiotta capita a Di Lorenzo, ma Falcone si salva con i piedi (80'). Nel lunghissimo recupero (7') non succede praticamente nulla e il Napoli lascia per strada due punti pesantissimi.

LE PAGELLE
Elmas 6,5 - Il macedone è il jolly di Spalletti, ovunque lo metti fa il suo e anche di più. Come stasera, con il gol del vantaggio da attaccante di razza.
Ndombele 5 - L'ex Tottenham è protagonista di un paio di cambi passo, ma ha sulla coscienza il rigore su Di Francesco poi parato da Meret. Spalletti gli risparmia il secondo tempo.
Raspadori 5 - Alla prima da titolare, l'ex Sassuolo stecca in modo clamoroso. I compagni non lo aiutano, ma lui non la vede proprio mai e sembra ancora un corpo estraneo.

Colombo 7 - Giornata indimenticabile per l'attaccante di scuola Milan. Prima si fa ipnotizzare da Meret dagli 11 metri, poi si riscatta con uno straordinario sinistro sotto la traversa. Personalità e tecnica non gli mancano di certo. 
Baschirotto-Tuia 7 - Gara da applausi per i due centrali dei salentini, praticamente perfetti su Osimhen e più in generale su ogni tentativo degli attaccanti napoletani.
Banda 6 - Le qualità e i numeri ci sono, vista la giovane età manca un po' in sostanza ma può solo che migliorare. L'ennesimo colpo di Pantaleo Corvino.

IL TABELLINO
NAPOLI-LECCE 1-1
Napoli (4-2-3-1)
: Meret 6, Di Lorenzo 6, Ostigard 6, Kim 6, Olivera 5,5, Anguissa 5,5 (40' st Simeone sv), Ndombele 5 (1'st Lobotka 6), Politano 6,5 (27' st Lozano 5,5), Raspadori 5 (1' st Zielinski 5,5), Elmas 6,5 (11' st Kvaratskhelia 5,5), Osimhen 5,5. A disp.: Marfella, Sirigu, Juan Jesus, Mario Rui, Rrahmani, Zanoli, Gaetano, Zerbin. All.: Spalletti 5,5
Lecce (4-3-3): Falcone 6,5; Gendrey 6, Baschirotto 7, Tuia 7, Pezzella 6; Askildsen 5,5 (17' st Blin 6), Hjulmand 6,5, Helgason 5 (1'st Gonzalez 6); Di Francesco 6 (17' st Strefezza 5,5), Colombo 7 (25' st Ceesay 5,5), Banda 6 (30' st Listowski sv). A disp.: Bleve, Samooja, Pongracic, Bistrovic, Frabotta, Gallo, Umtiti, Rodriguez. All.: Baroni 6,5
Arbitro: Marcenaro
Marcatori: 27' Elmas (N), 31' Colombo (L)
Ammoniti: Politano (N), Hjulmand (L), Gonzalez (L), Gendrey (L)
Espulsi: -
Note: Al 25' Meret (N) para un rigore a Colombo (L)

LE STATISTICHE
•    Il Napoli ha conquistato otto punti nelle prime quattro partite giocate di campionato, mai di meno a questo punto di una singola stagione di Serie A dal 2015/16 (5 punti).
•    Alex Meret è stato il primo portiere del Napoli a parare un calcio di rigore in casa in Serie A da Morgan De Sanctis (17 gennaio 2010 vs Palermo).
•    Gli ultimi due gol realizzati al Diego Armando Maradona da Eljif Elmas in Serie A sono stati contro squadre neopromosse (Lecce e Venezia). Il nordmacedone non segnava in casa con il Napoli dalla prima giornata della scorsa stagione (22 agosto 2021 vs Venezia).
•    Eljif Elmas ha disputato la 100ª partita in Serie A, tutte con la maglia del Napoli. Contro il Lecce è arrivata la sua settima marcatura nel massimo campionato.
•    Lorenzo Colombo è il primo giocatore del Lecce a segnare un gol da fuori area in Serie A dalla rete di Marco Mancosu contro il Genoa il 19 luglio 2020: quella è stata anche l'ultima occasione in cui un giocatore giallorosso ha sia segnato che sbagliato un rigore nella stessa partita nel massimo campionato.
•    Lorenzo Colombo (2002) è il primo giocatore nato dopo il 2000 a segnare per il Lecce in Serie A.
•    Il Napoli ha pareggiato una gara di Serie A contro una squadra neopromossa per la prima volta dopo 36 partite di questo tipo. Inoltre, gli azzurri non hanno vinto nelle ultime 10 gare giocate di mercoledì nel massimo campionato.
•    Il Napoli non ha vinto le ultime due partite consecutive di Serie A contro il Lecce dopo aver ottenuto il successo in tutte le tre precedenti.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti