Paolo Scaroni, curriculum top: ecco chi è il nuovo presidente del Milan

Nel mondo del calcio ha già guidato il Vicenza e Berlusconi l'aveva inserito nel Cda rossonero, ma il suo nome è legato soprattutto a Enel e Eni

  • A
  • A
  • A

Paolo Scaroni è il ventisettesimo presidente del Milan. Nato a Vicenza il 28 novembre del 1949, il nuovo numero uno del club di via Aldo Rossi vanta un curriculum da top manager e sicura fede rossonera. Punto di riferimento del fondo americano Elliott, Scaroni in passato è stato amministratore delegato di Enel ed Eni. Nel mondo del calcio dal '97 al '99 è stato presidente del Vicenza dei miracoli, poi nel 2017 Berlusconi l'ha inserito nel Cda del Milan.

Dirigente d'azienda e banchiere, Scaroni si è laureato in economia e commercio all'Università Bocconi, del cui International Advisory Council è tuttora membro, e poi ha conseguito un master in business administration alla Columbia University di New York. La sua carriera professionale comincia nella società di consulenza McKinsey. Nel 1973 lavora per il gruppo Saint-Gobain dove, nel 1978, ricopre l'incarico di presidente della divisione vetro a Parigi. Dal 1985 al 1996 assume e cariche di vicepresidente e amministratore delegato della Techint. Dal 1996 al 2002 si trasferisce in Gran Bretagna, dove diventa amministratore delegato di Pilkington. Nel 2002 torna in Italia per occupare il ruolo di ad di Enel. E' il trampolino di lancio della sua carriera. In seguito ai risultati ottenuti, infatti, nel 2005 viene poi chiamato a guidare Eni, ruolo che ricopre fino al 2014. In seguito diventa vicepresidente della banca d'affari Rothschild e ricopre le cariche di Consigliere di Amministrazione di Assicurazioni Generali e del Milan, di Vicepresidente non esecutivo del London Stock Exchange Group e di Consigliere di Amministrazione di Veolia Environnement. E' inoltre nel Board of Overseers della Columbia Business School di New York e della Fondazione Teatro alla Scala.

L'avventura nel mondo del calcio di Scaroni inizia nel 1997. Subentrando a Virgilio Marzot, diventa presidente del Vicenza e mantiene la carica fino al 1999. Grandi soddisfazioni nel primo anno. Dopo aver vinto la Coppa Italia, la squadra di Guidolin arriva arriva fino alle semifinali di Coppa delle Coppe, dove viene eliminato dal Chelsea dopo due gare molto tirate. Col 14.mo posto, in campionato invece arriva una salvezza tranquilla. Molto amara invece la stagione 98-99 del Vicenza. Guidato prima da Franco Colomba e poi da Edy Reja, la squadra retrocede in Serie B piazzandosi al penultimo posto. Poi nel 2017 inizia l'avventura in rossonero, per cui non ha mai nascosto la sua passione. Berlusconi gli affida un pacchetto azionario della società rossonera, del cui Cda Scaroni diventa membro il 14 aprile. Infine la nuova nomina a presidente del Milan da parte di Elliott.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments