L'INTERVISTA

Milan, Scaroni: "Maldini era un po' a disagio. Mercato? Siamo ambiziosi"

Il presidente rossonero: "Paolo gentiluomo, noi però seguiamo un modello un po’ innovativo. Faremo qualche acquisto importante"

  • A
  • A
  • A

La clamorosa rivoluzione rossonera che ha allontanato dal Milan Maldini e Massara è compiuta e il presidente Paolo Scaroni prova a spiegarne le ragioni ai moltissimi tifosi delusi: "Tutti noi, e particolarmente io, abbiamo sempre avuto rapporti eccellenti con Paolo Maldini, che è un gentiluomo, una persona attaccata al Milan e che al Milan ha fatto bene - ha dichiarato in una lunga intervista a Il Corriere della Sera - Noi però seguiamo un modello un po’ innovativo, almeno per l’Italia, di gestione del club, che ci porta a considerare tutte le nostre attività come collegiali: si lavora in team". 

L'addio di Maldini -  "È un modello organizzativo che sta molto a cuore al nostro azionista che, ricordiamolo, è uno specialista di sport che vanta successi nelle sue attività, quindi quando ci suggerisce qualcosa noi prestiamo grande attenzione, perché pensiamo porti innovazioni. In questa organizzazione abbiamo avuto l’impressione che Paolo si sentisse a disagio, e quando si è a disagio è meglio separarsi. Le faccio un esempio che riguarda me stesso. Io mi sono molto dedicato al tema stadio, tanto che c’era chi mi chiamava “Stadioni” e non Scaroni. Vero, ma l’ho fatto soprattutto negli anni di Elliott. Quando è arrivato RedBird che ha esperti che hanno costruito stadi in tutto il mondo, a me è venuto naturale mettermi nel team e perdere quel ruolo autonomo. È un po’ quello che doveva succedere per l’area tecnica".

Con l'addio di Maldini e Massara, chi farà il mercato? "Sarà nelle mani di un team che integra competenze diverse, con l’ad Giorgio Furlani che ha anche l’area sportiva da coordinare, insieme a professionisti come Geoffrey Moncada e l’allenatore Pioli: ci aspettiamo che dica la sua in queste scelte. Oltre agli esperti internazionali di RedBird. Nuovi ingressi? Al momento no. 

Maldini aveva il peso della sua figura nelle trattative? Vero, verissimo e gli sono molto grato. Devo dire che oggi, e non gli sono irriconoscente, ne abbiamo meno bisogno: il Milan uscito dalla gestione di Yonghong Li faceva fatica ad attirare talenti, il Milan di oggi, che ha vinto lo scudetto ed è arrivato in semifinale di Champions, penso che sia più attrattivo". 

Budget per il mercato? "Intanto ricordo che in quattro anni abbiamo investito più degli altri (200 milioni), qualcuno dirà non sempre bene, ma i nostri azionisti ci hanno consentito di fare una squadra forte e continueremo insieme su questa strada. Credo che dovremo fare qualche cessione, e concludere qualche acquisto importante: siamo ambiziosi".

Obiettivo crescere - "RedBird e tutti noi vogliamo che il Milan continui questa crescita. Non dimentico che ho iniziato a fare il presidente in un momento drammatico. Si ricorderà che dicevo sempre che avevamo due montagne da scalare, il risanamento dei conti e i risultati sportivi. Ora non siamo in cima, ma un bel pezzo di strada lo abbiamo fatto, anzi direi che in Italia siamo tra quelli che ne hanno fatta di più. Vogliamo continuare a scalare, sempre avendo in mente che più ricavi portano più investimenti per l’area sport e più successi sportivi portano più ricavi: un circolo virtuoso da mettere in moto".

Ibrahimovic dirigente? "Ho l’impressione che si voglia dare un periodo sabbatico. Poi resta un amico, una persona a cui dobbiamo molto, perché nei momenti più difficili ci ha consentito di svoltare. Se gli venissero delle idee saremo i primi ad ascoltarle".

Maldini voleva Pirlo? "Sull’idea dell’esonero non voglio esprimermi, però sì assolutamente, Pioli è centrale nel progetto".

Vedi anche Milan, ufficiale anche l'addio a Frederic Massara: c'è il comunicato Milan Milan, ufficiale anche l'addio a Frederic Massara: c'è il comunicato

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti