Milan, il segreto di Bennacer: "Palla a Ibra, poi ci pensa lui. Mi ispiro a Verratti e Thiago"

Il centrocampista rossonero: "Mi piace fare il regista, sto imparando e migli

  • A
  • A
  • A

Ismael Bennacer è stata sicuramente una delle note positive del Milan nella stagione appena conclusa. Dopo un inizio difficile con Giampaolo allenatore e tanta panchina, il centrocampista algerino ha trovato campo e consensi con l'arrivo di Pioli in rossonero che lo ha messo al centro del campo affiancato da Kessie: "Di questo ruolo mi piace ogni cosa, sono al centro di tutto". Non quanto Ibrahimovic: "Non gli passerei la palla per non fargli avere più tocchi di me - ha scherzato -, ma quando hai in campo uno come lui cerchi di fargli avere il pallone il prima possibile così può inventare quello che vuole".

Nell'estate del 2019 Bennacer ha vinto la Coppa d'Africa con l'Algeria chiudendo anche da Mvp del torneo. Dopo un anno di Serie A all'Empoli, la prima stagione al Milan da regista: "E' solo il secondo anno che gioco così in Italia, ci sto ancora lavorando - ha raccontato a The Athletic -. Sto migliorando e imparando molto, mi ispiro a Marco Verratti e Thiago Alcantara. Thiago è molto molto forte". Un ruolo delicato e pieno di responsabilità: "Devo servire la palla il più veloce possibile, per farlo devo essere concentrato quando ricevo palla, devo sempre essere in zona e leggere il gioco. Il mio ruolo è difesa, conquista del pallone e aiuto alla squadra a imporsi sull'avversario".

La crescita in campionato del Milan è dovuta al nuovo modulo ma anche all'arrivo di Zlatan Ibrahimovic che, a 38 anni, ha portato mentalità alzando l'asticella anche in allenamento: "Mi sento un po' più libero di prima - ha commentato Bennacer -, Ibra ci chiede di essere perfetti e ti rende un giocatore migliore. Io e lui siamo sulla stessa lunghezza d'onda, io gli do la palla così può fare quello che vuole". Per molti una teoria sui progressi estivi del Milan riguarda anche l'assenza di pubblico in uno stadio importante come San Siro: "Sicuramente uno stadio e un pubblico esigente - ha ammesso Bennacer -, ma a me piace la folla e la pressione".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments