Gazidis mette il turbo al Milan: nuovo stadio e campioni in casa

L’AD rossonero già innamorato di Milano. Londra da dimenticare... con le multe. Nel futuro non c’è spazio per il vecchio San Siro

di ALBERTO BRANDI
Gazidis mette il turbo al Milan: nuovo stadio e campioni in casa

Si è imposto una multa di 100 euro ogni volta che nomina l’Arsenal. Ma Ivan Gazidis, 54enne nuovo AD del Milan, è pronto a sacrificare una discreta cifra per usare gli esempi londinesi. Spiegando le sue idee, infatti, è impossibile che dribbli i paragoni con l’operato di nove anni al timone dei Gunners. Così l’automulta diventa il primo benaugurante introito nella casse rossonere portato dalla sua gestione. Primo di una lunga serie, si augura il fondo Elliott, dallo scorso 10 luglio proprietario del Milan e suo datore di lavoro dal primo dicembre.

Stati Uniti-Londra-Milano le localizzazioni calcistiche di Gazidis. Dall’MLS, di cui è stato uno dei fondatori, all’Arsenal con fatturato quasi raddoppiato, per finire con la nuova sfida a tinte rossonere. Ma scavando nel passato si scopre che tutto, lui compreso, nasce in Sudafrica. Quando viene alla luce a Johannesburg, il padre Costa è in carcere per la militanza anti apartheid. Ci rimane per tre anni, tentando per due volte l’evasione. La vita normale di Ivan comincia nel 1969 in Inghilterra, da rifugiato. Ripartendo da zero, senza averi, senza nulla. Avvicinandosi al calcio a Fratton Park, casa del Portsmouth, la prima squadra del cuore. Per poi capirne le potenzialità economiche assistendo al Mondiale di USA 94 e partorendo con altri soci il progetto MLS.

Milano arriva dopo Londra: la vive quotidianamente da poche settimane, accompagnato dalla moglie Maureen (i due figli Costa e Aidan studiano negli Stati Uniti), ma gli è già entrata nel cuore. Anche se sono Milanello e il Centro Vismara i luoghi che l’hanno maggiormente affascinato: luoghi dove respira l’aria più familiare, quella del calcio.

I propositi di Gazidis sono chiari. Prima di tutto un nuovo stadio per il Milan. Nella sua idea, che coincide con quella del Presidente Scaroni, l’opzione ammodernamento di San Siro rimane marginale rispetto alla costruzione di un impianto che sappia rispondere a tutte le esigenze del cliente-tifoso moderno. Magari da erigere nell’area storica dell’Ippodromo ormai abbandonato, a due passi dal vecchio impianto per non stravolgere almeno le abitudini dei tifosi. Uno stadio che dovrà essere per ogni partita “absolutely full”, sempre pieno, sull’esempio dello Stadium juventino. Un impianto condiviso con l’Inter, grazie alla grande opportunità che offre Milano: due società, medesimi mezzi economici, identiche ambizioni di riscatto dopo anni di magra. Un progetto da mettere a terra prestissimo, evitando le lungaggini che hanno frenato altri propositi, come quelli della Roma. Precedenti che spaventano il Presidente Scaroni.

Altro punto fermo il settore giovanile: all’Arsenal l’obiettivo era quello di promuovere ogni stagione almeno un ragazzo dell’Academy in prima squadra. Lo stesso dovrà accadere al Milan: più Maldini a km zero e meno Ronaldo da strapagare. Una filosofia che ben si adatta al Financial FairPlay da rispettare.

Gazidis ha scelto non solo il Milan, ma anche Milano e l’Italia. Fiutando la possibilità che il Rinascimento, per il nostro calcio, sia dietro l’angolo. E che il rilancio non possa prescindere da un Milan che torni al ruolo che gli compete. Protagonista in Italia e nel mondo.

TAGS:
Calcio
Gazidis
Milan
Intervista
Mercato
Champions

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X