L'AFFONDO

Berlusconi contro Gazidis: "Il Milan ha rischiato la Serie D? Frasi da dire al cesso"

"Far tornare il club rossonero ai vecchi fasti? Bisognerebbe ridarlo a me..."

  • A
  • A
  • A

E' dura e senza giri di parole la replica di Silvio Berlusconi alle parole pronunciate da Gazidis durante la presentazione di Pioli ("Abbiamo salvato il Milan dalla Serie D"). "Sono frasi che è meglio non dire oppure se uno ha voglia di dirle va al cesso, chiude la porta e le dice", ha tuonato l'ex presidente rossonero. Che poi ha rincarato la dose. "Far tornare il Milan ai vecchi fasti? È molto semplice ma difficile da realizzare: bisogna ridarlo a Silvio Berlusconi", 

Botta e risposta. Dopo la dichiarazioni a sorpresa di Gazidis sul salvataggio del Milan dal fallimento e l'affondo nei confronti delle vecchie gestioni, la replica dell'ex patron rossonero arriva a stretto giro di posta. Una presa di posizione forte, per liquidare la questione con chiarezza e difendere il suo Milan. Nessuna battuta invece sul cambio tecnico in panchina dopo l'esonero di Giampaolo. "Non conosco Pioli e non posso esprimere alcun giudizio - ha dichiarato Berlusconi in merito al nuovo allenatore -. Neanche Giampaolo conosco di persona e quindi voglio rispondere solo su cose che conosco approfonditamente". Discorso diverso invece sul nuovo stadio. "I progetti che ho visto sono molto buoni - ha dichiarato -. Sarà un stadio bello in cui giocheranno Milan e Inter. Noi siamo legati con il cuore a San Siro: è il campo dove si vede meglio la partita. Mi auguro si trovi una soluzione che non imponga l’abbattimento dello stadio".

Vedi anche Milan, Gazidis: "Capiamo i tifosi ma il nostro progetto rimane ambizioso" Milan Milan, Gazidis: "Capiamo i tifosi ma il nostro progetto rimane ambizioso"

Poi qualche dichiarazione sulle squadre favorite per lo scudetto. "Juve e Inter? Hanno fatto partite altalenanti ma nel calcio succede di esprimere un bel gioco in una partita e meno in un’altra - ha spiegato Berlusconi -. Nel calcio il 50% dipende dalla bravura, l’altro 50 dalla fortuna nella quale sono compresi tanti fattori tra cui gli arbitraggi non sempre in linea con il gioco". "La Juve ha una cittadinanza al primo posto in Italia quindi è difficile togliere di mezzo la squadra abituata a vincere - ha aggiunto -. Loro entrano in campo con la convinzione di essere padroni del campo e del gioco e questo è fondamentale". Infine una battuta sul Monza: "L’amichevole col Milan? Sapete che ogni tanto scherzo... Avevo detto che lo batteremmo 3-0, ma sono cose che si dicono per avere il sorriso sempre pronto". 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments