Juve, Allegri non fa drammi: "No alla depressione, festeggiamo lo scudetto: grande stagione"

Il tecnico bianconero: "In scadenza? Parleremo di futuro dopo lo scudetto"

Tempo reale

Juve, Allegri non fa drammi: "No alla depressione, festeggiamo lo scudetto: grande stagione"

Massimiliano Allegri zen. Nessun dramma per il tecnico della Juve dopo l'eliminazione dalla Champions League: "No alla depressione, ora dobbiamo festeggiare la vittoria dello scudetto: chiudiamo il discorso subito contro la Fiorentina". Allo Stadium basterà un punto per l'artimetica certezza: "È stata una grande stagione. Al futuro ci penseremo dopo". Sugli infortunati: "Stagione finita per Mandzukic".

"Abbiamo la possibilità di chiudere il discorso scudetto: dobbiamo farlo. Abbiamo smaltito la delusione per la Champions, dobbiamo guardare avanti e accettare il verdetto del campo. Non servono scuse o alibi, queste cose le usano quelli che non vincono. Dopo aver vinto lo scudetto dovremo progettare il futuro: non dobbiamo farci prendere dalla depressione".

Il rinnovo?
"In scadenza il prossimo anno? Non si sa mai... Non abbiamo parlato di questo con Agnelli perché eravamo concentrati sull'Ajax e sullo scudetto. Ora dobbiamo festeggiare l'ottavo scudetto che è una grande traguardo. È una grande stagione: abbiamo vinto il 50% dei trofei a cui abbiamo partecipato. Resta la delusione per essere usciti ai quarti".

Spazio ai giovani?
"Abbiamo Inter, Roma, Atalanta, Torino e Sampdoria: sono partite importanti e noi come Juve dobbiamo giocare per vincere. Non possiamo andare in giro a fare figuracce. Intanto abbiamo molti infortunati: Perin si sta operando e starà fuori tre mesi. Stesso discorso per Khedira. Mandzukic difficilmente tornerà prima della fine della stagione. Dybala è fuori 20 giorni, Douglas Costa e Caceres 10 giorni. Speriamo di recuperare Chiellini per l'Inter. Ci restano 14 giocatori. Domani dobbiamo celebrare lo scudetto".

Sulla prima stagione di CR7 e Cancelo.
"Ronaldo ha fatto una stagione straordinaria e domani giocherà titolare. Joao ha tutto per diventare uno dei migliori terzini del mondo".

Sulla paura in Champions.
"Non dobbiamo parlare della Champions perché è finita: sono discorsi da bar. Ronaldo non fa miracoli? Con CR7 non è Champions sicura. Il Barcellona dopo 4 anni gioca la semifinale e hanno Messi... Ora dobbiamo pensare al campionato e vincerlo aritmeticamente. Ricordo che non è facile vincere lo scudetto. Poi apriremo l'uovo e mangeremo il cioccolato fondente che mette di buon umore".

Sul bel gioco dell'Ajax.
"Non mi arrabbio quando si parla del bel gioco. Noi a Torino abbiamo giocato meglio rispetto ad Amsterdam, ma siamo stati polli a concedere quattro ripartenze. Ho riguardato la sfida con l'Ajax due volte perché sono di coccio. Bisogna essere lucidi e valutare l'annata. Un risultato negativo non cambia quello che è stato fatto per tutta la stagione: abbiamo fatto un ottimo lavoro perché abbiamo vinto la Supercoppa e stiamo portando a casa lo scudetto".

Sugli infotuni e la preparazione.
"Rifarei tutto? A Bergamo in Coppa Italia abbiamo giocato con Bonucci e Barzagli infortunati, Chiellini si è fatto male dopo 10 minuti e Benatia voleva essere ceduto. Il calcio è fatto di situazioni, di momenti. Ad Amsterdam siamo andati senza Chiellini, Barzagli e Caceres e Bonucci ha avuto un problema al flessore dieci minuti prima del match e ha dovuto giocare. A Berlino prima della finale di Champions si è fatto male Chiellini e Barzagli ha giocato con uno strappo. Sfortuna? Io non rimprovero nulla ai ragazzi che devono essere orgogliosi per quello che hanno fatto. Siamo dispiaciuti perché potevamo arrivare fino in fondo".


TAGS:
Allegri
Fiorentina
Juventus
Conferenza Stampa

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X