GIU' LA MASCHERA

Dybala fa parlare il campo: lui "ha scelto" la Juve

Dopo il botta e risposta a parole con Arrivabene, l'argentino ha fatto capire con i gol qual è il suo desiderio per il futuro. E i tifosi si sono schierati con lui

  • A
  • A
  • A

Sabato contro l'Udinese il gol senza festa e lo sguardo truce rivolto alla tribuna, ieri sera sorrisi e applausi dopo la rete alla Sampdoria. Sono passati una manciata di giorni da quando Paulo Dybala è uscito allo scoperto, rispondendo con le parole, piene di sarcasmo e di astio, alle punzecchiature di Arrivabene, eppure qualcosa sembra già essere cambiato. e non solo perché stavolta sugli spalti c'era anche il presidente Andrea Agnelli...

Vedi anche Juve, Arrivabene: "La reazione di Dybala? Io esultavo. Ne parleremo a febbraio con gli altri" juventus Juve, Arrivabene: "La reazione di Dybala? Io esultavo. Ne parleremo a febbraio con gli altri" L'attaccante argentino ha dimostrato sul campo quello che è il suo pensiero in merito al futuro: vuole restare alla Juve e spera che la vicenda rinnovo si concluda al più presto. "Mai all'Inter", avrebbe confidato ad alcuni amici rispondendo a chi gli chiedeva di un possibile interessamento dei nerazzurri. Forse è anche per questo che il pubblico bianconero si è schierato con lui nonostante qualcuno pensasse che nel braccio di ferro del contratto i tifosi avessero abbandonato la Joya, dopo anni di colpi di genio e stecche d'autore.

Invece, sono bastati un paio di gol di fila per spazzare via i dubbi. A proposito, siamo a quota 11 in stagione e 111 da quando Dybala si è trasferito da Palermo a Milano. Non male per uno che ha sempre navigato tra alti e bassi, un po' per demerito suo, un po' per colpa degli infortuni.

Nonostante la delusione certificata, "Paolino" ha ribadito quello che è il suo pensiero: si sente juventino e vorrebbe continuare a esserlo, magari sino a fine carriera. Lo ha confermato anche con il bel gesto di cedere il rigore a Morata, uno che aveva bisogno di tornare a esultare per un gol.

Adesso la palla passa alla società. Febbraio sarà il mese decisivo per chiudere questa vicenda. Di sicuro il più spinoso dei rinnovi di contratto che la Juve deve affrontare. Il punto in comune è che entrambe le parti vogliono andare avanti assieme e questo è già una buona base di partenza.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti