Derby pari, Inter-Milan 2-2

Nerazzurri avanti 2-0, la rimonta rossonera firmata dal colombiano: decide la goal-line technology

di
  • A
  • A
  • A

Un incredibile derby, giocato per la prima volta alle 12.30, finisce 2-2 con il Milan che agguanta l'Inter al 97' dopo che i nerazzurri avevano chiuso il primo tempo avanti di due gol. Dopo le reti di Candreva e Icardi, il Milan ha accorciato nel finale con Romagnoli: poi, sull'ultimo pallone, la zampata decisiva di Zapata, con il gol che viene assegnato dall'arbitro Orsato con la goal-line technology.

Se l'orario scelto, quello delle 12.30 (e criticato dalle due curve, con coreografie ad hoc), era stato deciso per dare la più ampia visibilità possibile al primo derby tutto cinese della storia, beh, gli 850 milioni di spettatori davanti alla tv che sono stati stimati di sicuro non si saranno annoiati.

2-2, come all'andata, sempre con un pareggio nel recupero dopo un corner, con una dinamica totalmente simile: è Zapata, al 97', a bucare Handanovic. La goal-line technology sancisce il pareggio finale, dopo che i nerazzurri erano scappati sul 2-0, andando al riposo con tante certezze. Un finale di partita che lascerà tanti strascichi, con la direzione di Orsato che non ha convinto l'ambiente nerazzurro: il pareggio è arrivato al minuto 96 e 38 secondi. Il recupero iniziale era stato di 5', poi l'ingresso di Biabiany e il successivo giallo a Locatelli hanno fatto dilatare il recupero.

Al di là delle decisioni arbitrali, l'Inter ha di che recriminare soprattutto con se stessa, per non aver saputo gestire un vantaggio comodo: all'83', prima del gol di Romagnoli, la partita era sul 2-0 e incanalata verso il successo nerazzurro. I contropiedi sprecati saranno altri motivi di rammarico per Pioli, che manca il sorpasso e resta dietro ai rossoneri.

LA PARTITA
Alle 12.32 del sabato di Pasqua il Milan poteva già scartare il primo uovo di cioccolato trovando la sorpresa Deulofeu: una gioia strozzata da Handanovic prima e da Bacca poi, che calcia alto. Il 218esimo derby della Madonnina, il primo giocato alle 12.30, quello del record di spettatori e di incassi, poteva già colorarsi di rossonero dopo una manciata di secondi. Un avvio che ha agitato gli ingredienti del derby cinese, il primo dell'era post-Berlusconi, spargendoli sulla tavola di un San Siro mai prima di oggi così internazionale. Al banchetto si sono uniti, in ordine sparso, Icardi (destro alto dopo fuga di Joao Mario), ma soprattutto Suso e Deulofeu.

I due spagnoli, le frecce di Montella, hanno imperversato nel centrocampo nerazzurro, pungendo con le loro ripartenze veloci. Almeno inizialmente, infatti, la carta Nagatomo - scelto per limitare Suso, autore di una doppietta all'andata - non ha pagato. E la marea rossonera hanno iniziato a pungere. Non tanto per un dominio tecnico netto, ma per la velocità nelle ripartenze. Un sinistro di Suso, una fuga di Deulofeu culminata da un palo da posizione defilata, un'altra volata dell'ex Everton devastante a sinistra, in un'azione nella quale anche Orsato ci mette lo zampino intervenendo in area sulla ribattuta nerazzurra.

Poi, all'improvviso, l'Inter. Lancio di Gagliardini, De Sciglio corre con Candreva senza cattiveria né astuzia. Donnarumma resta inchiodato in porta e l'ala nerazzurra fa esplodere San Siro con un tocco delizioso. L'Inter trova convinzione e al 44' raddoppia: Perisic offre dalla sinistra un cioccolatino per Icardi: 2-0 e primo gol contro il Milan per l'argentino.

Nella ripresa è sempre Handanovic il caposaldo di un'Inter stanca ma capace però di ribaltare l'azione: Perisic spreca un contropiede comodo, come lo farà più tardi Eder. I guizzi del Milan sono sempre affare di Deulofeu, davvero incontenibile, a differenza di un Bacca davvero impalpabile. Montella allora le prova tutte: gli affianca Lapadula e mette in campo anche Ocampos, per l'assalto finale. Che si accende quasi per caso con il gol all'83 di Romagnoli, abile in area a timbrare in anticipo su Miranda. Qui si apre l'altra pagina del derby.

Ai 7' finali si aggiungono quelli del recupero, quando appunto Zapata, sull'ultimo corner, infila Handanovic, non perfetto nell'uscita. Il salvataggio di Medel è disperato e inutile: la palla è dentro, come mostra la goal-line technology. E allora finisce 2-2, con la rabbia dell'Inter, la gioia rossonera del nuovo presidente Yonghong Li. E con la platea internazionale che non si sarà certo annoiata.

Handanovic 6 - Fino al 96' aveva confezionato una partita da 8. Però sull'uscita finale sbaglia e permette al Milan di trovare il pareggio.

Gagliardini 6,5 - Avvio choc, sembra risentire del problema alla caviglia. Poi sale in cattedra, dipinge l'assist di Candreva e fa ordine. Nel finale va in difficoltà fisica.

Icardi 6,5 - Si sblocca nel derby, ma il suo gol non basta. Serve a Perisic la palla del possibile 3-0 che avrebbe chiuso la partita.

De Sciglio 4,5 - Partita disastrosa: si addormenta sul lancio di Gagliardini per Candreva, ma in tutto il match è in difficoltà. Si fa anche soffiare palloni pesantissimi in zona area di rigore.

Deulofeu 7,5 - Devastante, veloce, imprendibile. Magari non dà abbastanza una mano a De Sciglio, ma mette a ferro e fuoco la difesa nerazzurra. Solo Handanovic gli nega il gol.

Zapata 6,5 - Romagnoli ha sbandato, il colombiano no. E il suo gol a fine match regala al Milan un pareggio davvero insperato. E non era facile imbucarla così.

INTER-MILAN 2-2

INTER (4-2-3-1):
Handanovic 6; D'Ambrosio 5, Medel 5,5, Miranda 5, Nagatomo 5,5; Gagliardini 6,5, Kondogbia 6; Candreva 6,5 (46' st Biabiany sv), Joao Mario 6 (30' st Murillo 5,5), Perisic 6,5 (22' st Eder 5); Icardi 6,5. A disposizione: Carrizo, Sainsbury, Andreolli, Palacio,  Gabigol, Banega, Ansaldi, Santon, Brozovic.
Allenatore: Stefano Pioli 5,5

MILAN (4-3-3): Donnarumma 5,5; Calabria 5 (30' st Ocampos 6), Zapata 7, Romagnoli 6, De Sciglio 4,5; Kucka 5 (11' st Locatelli 6,5), Sosa 6 (29' st Lapadula 6), Mati Fernandez 6,5; Suso 6,5, Bacca 5, Deulofeu 7,5. A disposizione: Storari, Plizzari, Gomez, Paletta, Poli, Antonelli, Honda, Vangioni.
Allenatore: Vincenzo Montella 6

Arbitro: Orsato

Marcatori: 36' Candreva, 44' Icardi, 38'st Romagnoli, 53' st Zapata
Ammoniti: Kucka, Candreva, Handanovic, Gagliardini, Locatelli

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments