Il sindaco Sala ribadisce a Inter e Milan: "San Siro sarà certamente in piedi nel 2026"

Il primo cittadino di Milano: "Se le società vogliono costruire un altro stadio le ascolteremo, nel rispetto delle regole"

Il sindaco Sala ribadisce a Inter e Milan: "San Siro sarà certamente in piedi nel 2026"

Non è piaciuta al sindaco di Milano Beppe Sala la sortita di Milan e Inter su San Siro ieri a Losanna, proprio a poche ore dal voto del Cio sull'assegnazione dell'Olimpiade invernale 2026 per cui Milano-Cortina ha previsto l'inaugurazione nello storico stadio. Proprio no. E già lunedì lo si era capito, quando il primo cittadino milanese aveva parlato chiaro. Al ritorno da Losanna se possibile lo ha fatto in maniera ancora più perentoria: "Non mi è piaciuto e gliel'ho ha anche detto (il riferimento è al presidente rossonero Paolo Scaroni e all'ad nerazzurro Alessandro Antonello), potevano anche aspettare un attimo. Detto ciò, forseè stata l'occasione anche per me per chiarire le cose. Su questo voglio essere preciso, vista la situazione. San Siro sarà su certamente nel 2026".

Quindi la partita è ancora aperta. Nulla è stato deciso: "Se le società avranno altre idee le ascolteremo, se vogliono costruire un altro stadio le ascolteremo, nel rispetto delle regole" ha aggiunto Sala. "Ma a questo punto la certezza è che San Siro rimarrà in piedi fino al 2026". I dirigenti di Milan e Inter hanno parlato di un nuovo stadio al fianco di San Siro: "Potrebbe essere, però noi dobbiamo guardare a San Siro, è scritto a chiare lettere nel dossier, è una promessa che abbiamo fatto: per cui San Siro continueremo a gestirlo al meglio".

TAGS:
Inter
Milan
Sala
Stadio
San Siro
2026
Scaroni
Antonello

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X