Serie A, Genoa-Torino 0-1: balzo granata per l'Europa

Al Ferraris decide un gol dell'ex rossoblù. Super Sirigu, granata ora a tre punti dal Milan

  • A
  • A
  • A

Colpo Toro nella 33.ma giornata di Serie A. Al Ferraris la squadra di Mazzarri batte 1-0 il Genoa e riprende la corsa per l'Europa, accorciando in classifica. Nel primo tempo il Grifone fa il match e Sirigu salva il risultato su un colpo di testa di Lerager. Nella ripresa poi Ansaldi decide la gara in contropiede al 58' e il portiere granata si supera ancora su Kouame. Toro a -3 dal Milan, Genoa a +5 dall'Empoli nella zona salvezza.

LA PARTITA

Balzo Toro per l'Europa. Dopo i pari contro Parma e Cagliari, i granata riprendono la corsa per la zona nobile della classifica e alzano il tiro. A quota 53, i granata scavalcano infatti la Lazio e accorciano sul Milan, portandosi a -3 dal quarto posto dei rossoneri proprio alla "vigilia" dello "scontro diretto" con la squadra di Gattuso. Al Ferraris decide tutto un destro di Ansaldi, ma convince soprattutto la capacità di soffrire della squadra di Mazzarri, che a Genova soffre, lotta e rientra a Torino con entusiasmo e voglia di sognare in grande. Discorso diverso invece per il Genoa, che sembra ormai caduto in una spirale preoccupante di risultati. Tutto col Bologna in ripresa e la zona retrocessione a 5 punti. Roba da mettere tutti sull'attenti in rossoblù in vista di un finale di stagione da brividi dove non ci sono più molti margini per sbagliare.  

Dopo il derby, a Marassi Prandelli cambia tanto, piazzando Radovanovic davanti alla difesa e Lapadula accanto a Sanabria per la prima volta in stagione dall'inizio. Recuperato Belotti, Mazzarri invece punta tutto sul doppio trequartista dietro al Gallo, affidandosi alle giocate di Baselli e Berenguer e alla fisicità di Meitè. Con le squadre aggressive, la gara si trasforma presto in una battaglia uno-contro-uno con tanti falli e interruzioni di gioco. Da una parte i granata provano ad allargare la manovra con Aina e Ansaldi, dall'altra tocca invece a Criscito attaccare la profondità sulla sinistra. E il match non decolla. Con Veloso e Radovanovic a far filtro e ad avviare il gioco, il Grifone difende bene e riparte, appoggiandosi a Sanabria e Lapadula. Il Toro invece fatica a costruire da dietro e a trovare Belotti, guardato a vista da Romero. Zukanovic sfiora il vantaggio di testa, poi Sturaro esce in barella e Prandelli fa entrare Rolon. Cambio che leva dinamismo in mediana al Grifone, ma che non modifica la spinta rossoblù. Sirigu salva il risultato con un miracolo su una zuccata di Lerager, poi ci prova Lapadula, ma il suo sinistro manca il bersaglio grosso. 

A ritmi bassi, nella ripresa i granata rientrano in campo cercando di guadagnare metri e prendere in mano la gara col palleggio. Ma è ancora il Genoa ad andare vicino al vantaggio con una zampata di Lapadula. Un guizzo che sveglia il Toro e infiamma il match. I rossoblù provano a colpire manovrando, i granata invece serrano le linee e ripartono. E proprio da una ripartenza, dopo un tocco sbagliato di Veloso, arriva il colpo che rompe l'equilibrio, con Ansaldi a timbrare il tabellino con freddezza e potenza. Un gol che gela il Ferraris e cambia la gara. In vantaggio, la banda di Mazzarri guadagna metri e certezze, insistendo sul palleggio per controllare il gioco e far girare le lancette dell'orologio. Il Genoa però non ci sta e negli ultimi 20' attacca a testa bassa, prestando però il fianco alle ripartenze granata. Belotti e Baselli sbagliano tutto in contropiede, poi Sirigu si supera ancora su un'incornata precisa di Kouame. E' il colpo che mette fine alla gara e alle ultime speranze rossoblù. Nel recupero, infatti, c'è spazio solo per un'uscita provvidenziale di Radu su Parigini. Poi è solo festa Toro. Per Mazzarri l'Europa è vicina. E a -3 dal Milan non è vietato sognare la Champions. 

LE PAGELLE

Ansaldi 7: continuo e decisivo. Dal suo destro arriva il colpo che decide il match e rilancia il Toro nella zona nobile della classifica. Non esulta e si scusa con i tifosi, ma la rete è pesantissima.
Sirigu 7,5: prima vola su Lerager, poi si supera su Kouame. Due parate super che salvano il risultato e regalano al Toro un finale di stagione da sogno. 
Baselli 6,5: quantità e qualità. Corre, chiude e imposta. Lega i reparti ed è sempre pronto a inserirsi. Gli manca solo il guizzo vincente.
Belotti 5,5: lavoro sporco, anche troppo. Fatica con Romero, che gli rende la vita difficile sia dal punto di vista fisico che tecnico. Non trova lo spazio e la posizione giusti per far male.
Romero 7: prende in consegna Belotti e non gli concede praticamente nulla. Gran fisico, senso della posizione e tempismo. Pronto per il grande salto.
Lerager 6,5: prova concreta soprattutto in fase di appoggio. Sempre pronto a sganciarsi per minare la retroguardia granata. Impegna Sirigu di testa
Veloso 5: l'errore da cui parte il contropiede del Toro sul gol del vantaggio è imperdonabile e macchia indelebilmente la prestazione.

IL TABELLINO GENOA-TORINO 0-1
Genoa (4-1-3-2): Radu 6,5; Lazovic 6, Romero 7, Zukanovic 5,5, Criscito 6; Radovanovic 5,5; Lerager 6,5, Veloso 5 (19' st Bessa 5,5), Sturaro 6 (32' Rolon 5,5); Sanabria 6 (7' st Kouame 6,5), Lapadula 5,5.
A disp.: Marchetti, Jandrei, Gunter, Pezzella, Mazzitelli, Dalmonte, Pereira, Lakicevic. All.: Prandelli 5,5
Torino (3-4-2-1): Sirigu 7,5; Izzo 6,5, Nkoulou 6, Moretti 6; Ansaldi 7, Meitè 6, Rincon 6, Aina 6; Baselli 6,5 (37' st Lukic sv), Berenguer 5,5 (25' st Parigini 6); Belotti 5,5.
A disp.: Ichazo, Rosati, Singo, Damascan, Bremer. All.: Mazzarri 6,5
Arbitro: Doveri
Marcatori:  58' Ansaldi (T)
Ammoniti: Lerager, Rolon, Veloso, Radovanovic (G); Nkoulou, Moretti, Baselli (T)
Espulsi:

LE STATISTICHE

Il Torino ha collezionato tre successi di fila contro il Genoa nella massima serie per la prima volta dal gennaio 1982 (serie che arrivò a cinque).
Il Genoa è rimasto a secco di gol al Ferraris contro il Torino per la prima volta dal novembre 1990 in Serie A, interrompendo una striscia realizzativa di 12 match.
Il Genoa non perdeva sia la gara d'andata che quella di ritorno contro il Torino dal 1981/82 in Serie A.
Il Torino ha collezionato 53 punti dopo le prime 33 giornate di campionato: l'ultima volta che i granata hanno fatto meglio a questo punto della competizione risale al 1991/92 (54 in quel caso).
Il Genoa ha conquistato solo due punti nelle ultime cinque sfide di campionato (2N, 4P), realizzando un solo gol e subendone sempre almeno uno nel parziale.
Il Torino ha incassato cinque gol in trasferta nel 2019 in Serie A: solo l'Atalanta ha fatto meglio nel periodo (quattro).
Cristian Ansaldi ha realizzato due dei suoi tre gol in questo campionato contro il Genoa, che diventa la sua vittima preferita nella massima serie.
Salvatore Sirigu ha tenuto la porta inviolata 13 volte in questo campionato: l'unico portiere del Torino che dal 2004/05 ha collezionato più clean sheet in una singola stagione di Serie A è stato Christian Abbiati nel 2006/07 (14).
Alex Berenguer ha eguagliato il suo record di assist in una singola stagione di Serie A (tre).
Gianluca Lapadula ha disputato la sua prima partita da titolare in questo campionato; in particolare, l'attaccante non partiva dal primo minuto proprio dal match casalingo contro il Torino della scorsa stagione (maggio 2018).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments