Fiorentina, Montella: "Ribery ha sbagliato, ma ci siamo chiariti"

Il tecnico viola non giustifica il nervosismo dell'attaccante francese ma specifica: "Ha chiesto scusa"

  • A
  • A
  • A

"Ribery ha sbagliato, forse a ragione. Accettiamo la sentenza, ma la società crede sia opportuno fare appello. Ha chiesto scusa". Non giustifica il suo giocatore Vincenzo Montella, dopo che Franck Ribery è stato squalificato tre turni a causa dell'espulsione rimediata alla fine del match contro la Lazio a causa di una spinta al guardalinee Passeri colpevole, secondo l'attaccante viola, di non avere segnalato un fallo su Sottil nell'azione che ha portato al 2-1 dei biancocelesti.

Anche Montella è stato squalificato per un turno: "Sono andato un po' fuori dalle righe, ma adesso abbassiamo i toni". Sul suo rapporto con Ribery, il tecnico viola chiarisce: "C'è un bel rapporto con Franck già da prima che arrivasse. Mi aspettavo che si potesse un po' risentire, aveva l'adrenalina alta. Ci siamo chiariti ieri, ha capito che è andato un po' fuori dalle righe".

L'attaccante francese rimane però fondamentale per la Fiorentina: "È venuto qui perché nella testa è ancora un campione e di questo ci stiamo giovando. Devo fare valutazioni oggettive e pensare a risparmiare energie di un giocatore di 36 anni. Il fisico può non supportarlo, soprattutto dal 70' in poi. Cinque minuti prima che uscisse era davanti alla panchina per farsi massaggiare per un affaticamento al polpaccio. Vedevo che non aveva più la forza nelle gambe per finire la partita. L'ho tenuto in campo ancora un po' e poi l'ho tolto. Certo che se avessi saputo come avrebbe reagito a fine partita - conclude Montella - non l'avrei levato".

Ora però testa al prossimo impegno. La Fiorentina dovrà affrontare il Sassuolo nel turno infrasettimanale di campionato e, tra le tante assenze, dovrà fare a meno di Ribery e di Montella che non siederà sulla panchina viola a causa del turno di squalifica: "Pensiamo a ripartire, ci aspetta un impegno tosto ma vogliamo rialzarci, non dobbiamo perdere l'entusiasmo ma continuare a sognare consapevoli che stiamo facendo un lavoro serio e con una visione".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments