Pioli-Fiorentina,volano gli stracci

Il club viola risponde all'ex tecnico: "Le sue dimissioni non c'entrano con il nostro comunicato"

  • A
  • A
  • A

Non si placa la bufera tra la Fiorentina e Stefano Pioli dopo le dimissioni di quest'ultimo, che aveva spiegato di essere stato costretto a lasciare perché "messo in dubbio come tecnico e uomo". E' durissima la replica del club gigliato: "Riteniamo il suo atteggiamento incomprensibile e ingiustificabile - si legge in una nota - I motivi delle dimissioni non c'entrano nulla con il comunicato della Società, e il primo a saperlo è proprio Pioli".

Pioli, che lascia la squadra al decimo posto e in semifinale di Coppa Italia, aveva deciso di rassegnare le proprie dimissioni nella giornata di martedì al termine di un confronto con il direttore generale dell'area tecnica, Pantaleo Corvino, dopo il quale ha lasciato il centro sportivo. Al suo posto, la Fiorentina ha richiamato Vincenzo Montella, già sulla panchina viola dal 2012 al 2015.

IL COMUNICATO DELLA FIORENTINA "Riteniamo Stefano Pioli una persona perbene che si è sempre comportata, fino a ieri, correttamente nei confronti della Società. Per questo consideriamo il suo atteggiamento incomprensibile ed ingiustificabile, mettendo la Società in una situazione inaspettata e complicata da gestire.

Il comunicato fatto dalla Fiorentina, e riportato da tutta la stampa, era doveroso per chiarire la posizione della Società, e per richiamare tutti al massimo impegno, senza offendere o delegittimare nessuno. Pertanto i motivi delle dimissioni di Pioli (a pochissimi giorni dalla scadenza del suo contratto) non c'entrano nulla con il comunicato fatto dalla Società, e il primo a saperlo è proprio Pioli. Ora comunque bisogna guardare avanti e concentrarsi esclusivamente sui risultati sportivi che dobbiamo e possiamo sicuramente ottenere".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments