Europa League: si qualificano Arsenal e Cluj, fuori la Dinamo Kiev

Gunners senza problemi a Liegi, nel girone della Lazio i rumeni battono il Celtic. Vanno avanti anche Francoforte, Getafe, Malmö e Copenaghen

  • A
  • A
  • A

All'Arsenal bastava non perdere con più di quattro gol di scarto per qualificarsi. Lo Standard Liegi va sul 2-0, ma viene rimontano nel finale con Lacazette e Saka. Il 2-2 consente di far passare il turno anche all’Eintracht Francoforte, nonostante venga sconfitto 3-2 dal Guimaraes. Ai sedicesimi di finale volano anche Cluj (a discapito della Lazio), Getafe (che vince 3-0 sul Krasnodar) e, nel gruppo B, Malmö e Copenaghen.

GRUPPO E
Il Cluj domina un Celtic privo di motivazioni e passa il turno a discapito della Lazio, vincendo 2-0. I rumeni si assicurano la qualificazione grazie al colpo di testa di Burca al 49’, sul corner calciato dalla destra da Deac, seguito dalla rete di Djoovic al 70’, sempre su assist di Deac. Gli scozzesi erano già sicuri del primo posto nel girone prima di questo match. Classifica: Celtic 13, Cluj 12, Lazio 6, Rennes 4

GRUPPO A
L’Apoel Nicosia supera di misura il Siviglia 1-0 in casa. Al 28’ viene annullato un gol a Ocampos. per un dubbio fuorigioco. Alef commette un fallo da rigore sullo stesso Ocampos ma gli spagnoli non ne approfittano, perché Dabbur dal dischetto si fa ipnotizzare da Belec. Dopo 5 minuti Sadic porta in vantaggio i ciprioti di testa, per il gol vittoria. Finisce 1-1 tra Qarabag e Dudelange. I padroni di casa rimangono in dieci uomini dopo pochi secondi dall’inizio del secondo tempo quando Qarayev riceve il secondo giallo. Il Dudelange si porta avanti al 63’ con un destro di Bougrin con un colpo di biliardo sul secondo palo; Gueye pareggia i conti al 91’. Classifica: Siviglia 15, Apoel Nicosia 10, Qarabag 5, Dudelange 4

GRUPPO B
Il Malmö vince 1-0 a Copenaghen e sorpassa i danesi al primo posto del girone. Al 77’ gli svedesi riescono a sbloccare un match molto chiuso grazie a un autogol rocambolesco di testa da parte di Papagiannopoulos. Il Copenaghen passa comunque il turno come secondo. Nell’altro match è 1-1 tra Dinamo Kiev e Lugano. Gli svizzeri riescono a resistere agli attacchi ucraini e vanno avanti al 45’, con Aratore che schiaccia di testa in rete il cross di Dalmonte dalla destra; gli ucraini trovano la rete che ristabilisce la parità al 94’ con Tsygankov, ma è troppo tardi per sperare in nella qualificazione. Classifica: Malmö 11, Copenaghen 9, Dinamo Kiev 7, Lugano 3

GRUPPO C
Il Basilea vince il gruppo C grazie al 2-0 sul Trabzonspor. Al 22’ gli svizzeri sbloccano il risultato con Widmer, che ribatte in rete un primo tentativo di testa parato da Kardesler. Poi il Basilea si assicura definitivamente del primo posto nel girone al 72’ con Stocker che non sbaglia davanti al portiere. Vittoria per 3-0 del Getafe sul Krasnodar nello scontro diretto per accedere ai sedicesimi di finale. Dopo 75 minuti avari di emozioni, gli spagnoli certificano la qualificazione ai sedicesimi grazie alla rete messa a segno di testa da Cabrera, seguita da quella di Molina al 79’; Kenedy sigla il 3-0 finale a 4’ dalla fine. Classifica: Basilea 13, Getafe 12, Krasnodar 9, Trabzonspor 1

GRUPPO D
Il LASK Linz stende 3-0 lo Sporting Lisbona e passa il turno come primo del girone. I padroni di casa passano meritatamente in vantaggio al 23’ con un preciso colpo di testa di Trauner sul calcio d’angolo di Michorl. Gli austriaci volano al 38’ quando Klauss subisce fallo di rigore dal portiere Ribeiro; l’attaccante che si è conquistato il penalty lo trasforma centralmente. In inferiorità numerica i portoghesi sono costretti a subire il 3-0 al 93’ a opera di Raguz. Psv Eindhoven-Rosenborg termina 1-1. Ad andare avanti sono i norvegesi grazie a Helland al 22’ con un gran sinistro dalla distanza che s’infila nell’angolino basso; gli olandesi pareggiano con un bel sinistro di Ihattaren al 63’. Classifica: LASK Linz 13, Sporting 12, Psv Eindhoven 8, Rosenborg 1

GRUPPO F
L’Arsenal si qualifica agevolmente dopo il 2-2 in rimonta sul campo dello Standard Liegi. I Gunners dominano nelle fasi iniziali del match ma sono i belgi a passare in vantaggio al 47’ con un destro di Bastien, deviato in maniera decisiva da Sokratis. Il 2-0 dello Standard arriva al 69’ con un’altra deviazione decisiva: questa volta è la mano sinistra di Mavropanos a mettere fuori causa Martinez sulla conclusione di Amallah. L’Arsenal rimonta nel giro di pochi minuti con Lacazette (78’) e Saka (81’). L’Eintracht Francoforte perde 3-2 in casa contro il Vitoria Guimaraes, ma si qualifica ugualmente. I portoghesi si portano in vantaggio grazie a un diagonale destro vincente di Rochinha all’8’, con proteste dei tedeschi che reclamano un fallo precedente subìto da Rode a centrocampo. I tedeschi comunque agguantano il pareggio al 31’, aiutati da una pessima uscita del portiere Silva su André Silva, con il tiro di da Costa che entra in rete; poi al 38’ Kamada completa la rimonta depositando comodamente in rete il traversone dalla sinistra di Kostic. Il controsorpasso portoghese viene firmato nella ripresa da Elmusrari (85’) ed Edwards (87’). Classifica: Arsenal 11, Eintracht Francoforte 9, Standard Liegi 8, Vitoria Guimaraes 5

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments