CONFERENCE LEAGUE

Roma, Mourinho: "Le mie finali? I giocatori sono sempre stati lì"

Il tecnico giallorosso verso la finale di Tirana: "Sono sempre 50-50, ma faremo del nostro meglio per arrivare 51-49. Questa è la nostra Champions"

  • A
  • A
  • A

La finale di Tirana si avvicina e José Mourinho chiede alla sua Roma l'ultimo sforzo per alzare il trofeo della Conference League. "Le finali sono 50-50, ma faremo del nostro meglio per arrivare 51-49. Il lavoro che porta alla finale nell'arco di diversi mesi è la base per quei 90 o 120 minuti. È il giorno dei giocatori. Siamo lì solo per dare un piccolo aiuto. Finora sono stato fortunato vincendo tutte le mie finali europee: i miei giocatori nel momento della verità, sono sempre stati lì", ha detto il tecnico portoghese al sito dell'Uefa.

Vedi anche Feyenoord, Dessers: "Non temiamo la Roma, possiamo battere chiunque" conference league Feyenoord, Dessers: "Non temiamo la Roma, possiamo battere chiunque"

"La Conference League è la nostra Champions League. Questo è il livello in cui siamo, la competizione in cui stiamo giocando. E il club non ha un'occasione come questa da molto tempo. Bisogna trattare una finale come una partita individuale che porta la propria pressione, tensione e senso di responsabilità. Dobbiamo solo pensare alla finale e agli avversari che affrontiamo. Quanto sarebbe bello per la città, il club e tutti noi se dovessimo vincere la partita", ha aggiunto.

Mourinho è il primo tecnico a raggiungere tutte e quattro le finali Uefa per club: "E non dimenticherò mai la prima, che è stata la Coppa delle Coppe 1996/97 come assistente allenatore del compianto e grande Bobby Robson al Barcellona. Ogni volta che mi sedevo accanto a lui in panchina mi sentivo molto orgoglioso. Vincere il primo trofeo può avvenire essendo nel posto giusto al momento giusto. Vincere la seconda volta è più difficile della prima volta e vincere la terza volta è più difficile della seconda volta. Una cosa è raggiungere il successo e vincere in un determinato periodo di tempo, un'altra è raggiungere il successo e vincere continuamente per tutta la tua carriera".

Quanto al suo futuro e alla voglia di continuare ad allenare, il lusitano ha concluso: "Non posso credere di avere 59 anni e di avere una carriera di 21 o 22 anni come capo allenatore. Non posso dire quando mi fermerò perché non riesco a immaginarlo. La passione non cambia".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti