BRUTTA VIGILIA

Conference League, incidenti a Tirana: decine di tifosi fermati dalla polizia, 80 sono romanisti

Tra i trenta feriti ci sono anche tre sostenitori giallorossi. Trovati mazze, cric e altri oggetti contundenti. Le forze dell'ordine: "Rischiate 7 anni"

  • A
  • A
  • A

La polizia di Tirana ha reso noto, con un comunicato, che è di diverse decine il numero dei tifosi di Roma e Feyenoord fermati a seguito degli incidenti occorsi martedì in varie zone della capitale albanese, sede della finale di Conference League in programma questa sera, con annessi scontri con le forze dell'ordine locali.

Vedi anche Roma-Feyenoord, scontri a Tirana: ferito un albanese, interrogati 8 olandesi conference league Roma-Feyenoord, scontri a Tirana: ferito un albanese, interrogati 8 olandesi Di queste persone accompagnate in commissariato, circa 80 sono di nazionalità italiana (in questo numero sono compresi anche coloro che erano sul bus nel quale sono state trovati mazze, cric e altri oggetti contundenti) e le restanti olandesi. Il bilancio dei feriti, invece, parla di 30 persone. In particolare, 20 di loro sono agenti delle forze dell'ordine, tre italiani, quattro olandesi e tre albanesi. Tutti sono stati dimessi dagli ospedali dove a ognuno di loro erano state prestate le cure del caso.

E' tornato a casa, quindi, anche il poliziotto le cui condizioni in un primo momento erano state definite gravi. Intanto la polizia di Tirana ha deciso di rimpatriare immediatamente con un traghetto da Durazzo i sostenitori della Roma, che erano stati "accompagnati" in commissariato, mentre quelli olandesi sono stati fatti rientrare in aereo. Non ci sono, invece, commenti alle immagini, che avrebbe diffuso la Cnn in cui si vede un agente che nel tentativo di dividere teppisti e forze dell'ordine estrae una pistola.

La polizia di Tirana, comunque, ha rinnovato l'appello ai tifosi che già sono o stanno arrivando in città a "evitare violenze che non hanno alcun legame con lo sport". Il centro città è stato chiuso al traffico privato ed è stata proclamata la festività cittadina con chiusura di tutti gli uffici pubblici in modo da creare una grande area pedonale fino allo stadio, con controlli a tappeto. Bevande, birra compresa, possono essere vendute dai locali soltanto in bicchieri di carta, e sono previste e chiusure e multe salate per i trasgressori.

LA POLIZIA: "ATTENTI, RISCHIATE 7 ANNI"
"I tifosi accompagnati nei commissariati sono stati trovati in possesso di coltelli, oggetti pirotecnici e barre di ferro. Uno dei nostri agenti feriti è stato ferito proprio da una coltellata. Siamo anche in contatto con la Figc affinché questi individui non possano più avere accesso negli stadi". Lo ha detto, il vicedirettore della Polizia di Stato albanese, Albert Dervishi. "Faccio un appello ai cittadini albanesi a stare lontani dalle fan zone dei tifosi olandesi e italiani - ha detto ancora Dervishi - e di evitare le provocazioni. Ai cittadini italiani e olandesi faccio invece un altro appello, quello di comportarsi come cittadini europei. Qui la legge sarà rigorosamente rispettata, e non obbedire agli ordini della polizia e resistere agli attacchi alle forze dell'ordine sono reati che secondo la legislazione albanese vanno condannati con una pena fino a sette anni di reclusione".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti