Champions: Real out, Ajax ai quarti

Clamorosa eliminazione per gli spagnoli, affondati dai gol di Ziyech, Neres, Tadic e Schone. Proteste sul terzo gol

  • A
  • A
  • A

Disastro Real. A Madrid la squadra di Solari perde 4-1 con l'Ajax nel ritorno degli ottavi di Champions ed esce di scena. Gara da incubo per i Blancos, che subiscono il gioco degli olandesi, sbattono contro due legni e protestano per il terzo gol. Ziyech apre i giochi al 7', poi Neres (18') e Tadic (62') arrotondano il parziale. Asensio riapre la gara al 70', ma Schone la chiude al 72', eliminando gli spagnoli e regalando i quarti ai Lancieri.

Al Bernabeu cala il sipario sul Real padrone della Champions. Settimana da incubo per i Blancos, che nel giro di pochi giorni perdono tutto. Onore compreso. A Madrid va in scena una resa totale della squadra di Solari, che dopo i due ko di fila con il Barcellona, dicono addio anche alla Champions affondando contro l'Ajax e decretando probabilmente la fine di un ciclo. Il campo, del resto, non mente. E il poker dei Lancieri parla chiaro. Stanca, senza idee e con tanti veleni nello spogliatoio, questo Real non è più la squadra da battere in Europa. Sicuramente in questa edizione, ma forse anche per qualche anno. Per rifondare (e questa squadra è chiaramente da rivedere in tanti aspetti) serve tempo. A partire dal tecnico e da alcuni uomini chiave, che a questo punto dovranno decidere il loro futuro e anche quello del club. Un duro colpo per i Blancos, che dalla doppia sfida con l'Ajax escono con le ossa rotte. Da otto anni di fila, del resto, gli spagnoli centravano i quarti e il tonfo contro i Lancieri fa ancora più rumore, perché arriva meritatamente al termine di un confronto amaro. Il cui esito, giusto, non ammette scuse. Di fronte la banda di Solari si è trovata infatti un Ajax nuovo, tutto qualità, velocità e grinta. Un esempio da seguire, alla continua ricerca del gioco propositivo e alla scoperta di giovani talenti come De Jong, Ziyech, Tadic e Neres. Pezzi da novanta in uno scacchiere perfetto per quello dimostrato in uno dei templi del calcio. 

Tutto davanti al Campioni d'Europa in carica, che, senza Ramos, nel secondo round con l'Ajax si presentano con una formazione quantomeno discutibile. Solari sceglie di giocarlesa con le sue idee e tira dritto: tribuna per Isco, ancora in panchina Marcelo, Asensio e Bale. Decisioni coraggiose, a cui Ten Hag replica con gli stessi uomini che all'andata hanno messo in difficoltà i Blancos. A buon ritmo, l'inizio del match regala subito emozioni. Un colpo di testa di Varane centra la traversa, poi gli olandesi aggrediscono alti e succede quello che non ti aspetti. Pressato, Kroos sbaglia tutto a centrocampo e Tadic serve a Ziyech la palla del clamoroso vantaggio. E' il gol che cambia tutto e infiamma il match. Ferito, il Real si aggrappa a Modric, che si piazza in cabina di regia per dare certezze, ma fatica a compattare la squadra. Sulla scia dell'entusiasmo i Lancieri invece si affidano alle ripartenze e attaccano la profondità senza paura. Carico e in fiducia, il tridente di Ten Hag incanta e il raddoppio dell'Ajax arriva al termine di un'azione spettacolare: rouleta di Tadic e colpo sotto di Neres. Un capolavoro di tecnica che gela il Bernabeu e mette a nudo i problemi tecnici e caratteriali dei Blancos in mediana e davanti a Courtois. Lucas Vazquez prova a scuotere i suoi, ma Onana è attento. Con le spalle al muro, alla mezz'ora Solari perde anche Lucas Vazquez e Vinicius e fa alzare Bale e Asensio dalla panchina. Due cambi forzati che ridisegnano i Blancos, ma non modificano l'inerzia del match. Con De Jong padrone del centrocampo, i Lancieri infatti fanno la partita, verticalizzando con continuità e precisione. Neres fallisce il tris in contropiede, poi Courtois tiene a galla il Real, che nel finale del primo tempo alza il baricentro e centra un palo con Bale. Altro segnale di una serata da incubo. 

Nella ripresa il Bernabeu spinge e Modric prova a prendere in mano la squadra. Un sinistro a giro di Asensio spaventa Onana, poi tocca ancora a Courtois fermare Van de Beek dopo un'altra invenzione di Tadic. Il Real prova a reagire, ma gioca a sprazzi e si affida ai singoli. Non ragiona. Nonostante il doppio vantaggio, l'Ajax continua così a mostrare il meglio del repertorio senza timore, soffrendo soltanto sulle palle alte. Gioco a terra, la banda di Ten Hag ha le idee chiare e non trema. Anzi, esagera. In stato di grazia, Tadic firma il tris con una magia all'incrocio di sinistro, con tanto di proteste del Real per una palla considerata fuori qualche passaggio prima. E' il gol che segna indelebilmente il match e chiude i conti. Anche dopo la rete di Asensio, che riaccende le speranze solo per due minuti, ci pensa infatti Schone a inventare il poker su punizione beffando Courtois da posizione "impossibile". Al Bernabeu il Real abdica. L'Ajax invece torna tra i Grandi d'Europa. 

REAL-AJAX 1-4
Real (4-3-3): Courtois 5; Carvajal 5, Varane 4,5, Nacho 4, Reguilon 5,5; Kroos 4,5, Casemiro 5 (43' st Valverde SV), Modric 6; Lucas Vazquez 5 (29' Bale 5,5), Benzema 6, Vinicius (35' Asensio 6) 
A disp.: Keylor Navas, Vallejo, Bale, Marcelo, Ceballos, Asensio. All.: Solari 4
Ajax (4-3-3): Onana 6; Mazraoui 6,5 (35' st Veltman sv), De Ligt 7, Blind 7, Tagliafico 6,5; Schone 7 (28' st De Wit 6), De Jong 7, Van de Beek 6,5; Ziyech 7,5, Tadic 8, Neres 7,5 (29' st Dolberg 6)
A disp.: Bruno Varela, Sinkgraven, Huntelaar, Labyad. All.: Ten Hag 7,5
Arbitro: Brych (Ger)
Marcatori: 7' Ziyech (A), 18 ' Neres (A), 17' st Tadic (A), 25' st Asensio (R), 27' st Schone (A)
Ammoniti: Carvajal (R); Mazraoui (A)
Espulsi: 48' st Nacho - per gioco scorretto

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti