Champions: Barcellona ai quarti

I catalani rimontano lo 0-4 dell'andata con un finale clamoroso e volano ai quarti

di
  • A
  • A
  • A

Il Barcellona è ai quarti di finale di Champions League. I catalani hanno reso possibile l'impossibile, rimontando al Camp Nou lo 0-4 dell'andata contro il Psg con un finale clamoroso. Al gol di Suarez, l'autorete di Kurzawa e il rigore di Messi, risponde Cavani che gela i tifosi di casa. Poi accade l'imponderabile: dall'88' al 95' la doppietta di Neymar e la zampata di Sergi Roberto riscrivono la storia. Una rimonta mai riuscita prima.

Profeta o chissà cos'altro, Luis Enrique l'aveva detto alla vigilia: "Il Barcellona può fare sei gol al Psg". Detto, fatto. Con una partita che rimarrà negli annali della Champions League, i catalani hanno riscritto la storia ribaltando il clamoroso 4-0 dell'andata a Parigi con un altrettanto clamoroso 6-1 al Camp Nou. Un punteggio tennistico maturato negli ultimi cinque minuti di partita recupero incluso, in una rivisitazione ancora più impressionista della finale tra Manchester United e Bayern Monaco nel 1999, nello stesso stadio e nella stessa porta. Il Barcellona vola ai quarti di finale con un'impresa che sembrava essere scivolata via dopo averla accarezzata a inizio ripresa sul triplo vantaggio; il Psg, invece, crolla ancora una volta sul più bello, a un passo dal superare uno scoglio che resta invalicabile nonostante le vagonate di milioni di euro spesi. Un'eliminazione così porterà con sé diversi strascichi per una partita non affrontata da grande squadra.

Raccontare una partita così è praticamente impossibile. Va oltre ogni scenario possibile e immaginabile, tanto esaltante quanto crudele agli occhi imparziali di chi guarda da lontano, per come è maturata, per come è stato resa realtà quando anche il più ottimista tifoso del Barcellona probabilmente non ci credeva più. Gli dei del calcio però sono più imprevedibili del Barcellona stesso, e sono tornati a palesarsi in quello stadio dove qualcosa di estremamente simile avvenne diciotto anni fa. I minuti di recupero, cinque questa volta, hanno permesso ai catalani di disegnare una rimonta perfetta con l'accensione di san Neymar, fondamentale all'88' nel disegnare un calcio di punizione perfetto all'incrocio dei pali e glaciale dal dischetto (Messi non se l'è sentita?) due minuti più tardi. Poi l'eroe quasi per caso, Sergi Roberto, a scrivere il suo nome a caratteri cubitali nella storia al 95'.

Tutto condensato in cinque minuti o poco più, dopo un'intera partita condotta a una porta sola per cercare il riscatto dopo lo 0-4 di Parigi, ancora più inspiegabile dopo aver visto la gara di ritorno. A inizio ripresa il Barcellona si è ritrovato sul 3-0 con il rigore siglato da Messi a sigillare un dominio territoriale netto e incontrastato nonostante una serata relativamente normale della MSN. Il vantaggio dopo centottanta secondi di Suarez, bravo a sfruttare le incertezze di Trapp e della linea difensiva parigina, hanno trasformato la "mission impossible" in possibile, ma contro un Psg totalmente rintanato nella propria trequarti, palloni dalle parti di Trapp non ne sono arrivati. Non è un caso che le altre due reti siano arrivate in maniera sporca tanto quanto la prima: Iniesta al 40' ruba palla a Marquinhos sulla linea di fondo, pensando una genialata che costringe Kurzawa - goffo - all'autorete. A inizio ripresa, invece, è Meunier che scivolando altrettanto goffamente rovina su Neymar consegnando il rigore del 3-0 a Messi.

Qui la partita cambia. Il Psg a un passo dal baratro reagisce alzando il baricentro provando a ripartire, cercando di eseguire le richieste di Emery rimaste inevase fino a quel momento. Il Barcellona, si sa, se attaccato va in difficoltà e una volta tirato il fiato per preparare l'assalto finale a un passo dall'equilibrare la situazione, è caduto sotto i colpi di Cavani: al 52' il Matador colpisce un palo, ma dieci minuti dopo non sbaglia infilando un destro sotto la traversa che non lascia scampo a Ter Stegen. Gelato il Camp Nou, affievoliti gli animi di Messi e compagni, lo stesso Cavani e Di Maria, tre minuti prima del primo gol di Neymar, si divorano il match point, fotografia di quello che sarebbe potuto essere e invece non è stato con il folle finale di gara. Certo i parigini dovranno fare un mea culpa lungo da Barcellona alla Tour Eiffel: con un pizzico di coraggio in più dall'inizio, la storia sarebbe potuta essere un'altra.

Neymar 8 - Dopo il gol di Cavani si è isolato sulla sinistra, quasi sconsolato. Poi si è ricordato di essere il fenomeno che è ed ha riacceso il Camp Nou con una punizione all'incrocio dei pali incredibile. Glaciale dal dischetto poco dopo, la remuntada porta il suo nome.

Marquinhos 3,5 - Sbaglia tutto ciò che c'è da sbagliare e inizia la serata da incubo già dopo pochi secondi. Protagonista in negativo anche nel raddoppio catalano, serata da incubo.

Sergi Roberto 7,5 - L'eroe (quasi) per caso. Entra al posto di Rafinha, un cambio ipoteticamente difensivo. Si ritrova a far esplodere lo stadio al 95' per una rete che rimarrà nella storia per decine di anni

Cavani 5,5 - Il suo lo fa, segnando il 38o gol stagionale dopo aver colpito un palo. Sulla sua coscienza, però, c'è il gol divorato davanti a Ter Stegen due minuti più tardi. Un match point fallito e pagato a carissimo prezzo

Messi 6,5 - Il timbro lo mette dal dischetto, ma per una volta non è lui l'uomo copertina di una grandissima impresa di Champions League

Rabiot 3,5 - Irriconoscibile in mezzo al campo. Perde tantissimi palloni e non fa filtro. Peggio di così non poteva fare

all. Emery 2 - Essere eliminati partendo dal 4-0 è umiliante. Farlo avendo pure segnato un gol, ma subendone sei (6!) lo è ancora di più. La squadra ha dimostrato di poter far male con le ripartenze quando ci è riuscita. La sua colpa è stata quella di non essere riuscito a convincere i suoi a giocare con più coraggio

BARCELLONA-PSG 6-1 (and. 0-4)
Barcellona (3-3-1-3):
Ter Stegen 6; Mascherano 6,5, Piqué 6,5, Umtiti 6,5; Rakitic 6,5 (39' st André Gomes sv), Busquets 7, Iniesta 7,5 (20' st Arda Turan 6,5); Messi 6,5; Rafinha 6,5 (31' st Sergi Roberto 7,5), Suarez 7, Neymar 8. A disp.: Cillessen, Alcacer, Jordi Alba, Digne. All.: Luis Enrique 8
Psg (4-2-3-1): Trapp 4; Meunier 4,5 (48' st Krychowiak sv), Marquinhos 3,5, Thiago Silva 4,5, Kurzawa 4,5; Rabiot 3,5, Matuidi 4,5; Lucas 4 (10' st Di Maria 4,5), Verratti 5, Draxler 5 (30' st Aurier 4,5); Cavani 5,5. A disp.: Areola, Kimpembe, Pastore, Ben Arfa. All.: Emery 2
Arbitro: Aytekin (Germania)
Marcatori: 3' Suarez (B), 40' aut. Kurzawa (P), 5' st rig. Messi (B), 17' st Cavani (P), 43' st Neymar (B), 46' st rig. Neymar (B), 50' st Sergi Roberto (B)
Ammoniti: Piqué, Busquets, Rakitic, Neymar, Suarez (B); Matuidi, Draxler, Cavani, Marquinhos (P)
Espulsi: nessuno

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments