IL SEGRETO

Real Madrid campione: Zinedine Zidane e il trionfo dell'anti-divo

Il tecnico francese ha vinto 11 titoli in cinque stagioni, uno ogni 19 partite disputate

di
  • A
  • A
  • A

L'eroe dei tre mondi ha colpito ancora. Zinedine Zidane, capace di vincere da giocatore in Italia, Spagna e con la nazionale francese, ha stupito tutti ancora una volta, riconducendo il Real Madrid alla conquista della Liga nel suo secondo mandato ai Merengues. Dopo una carriera da calciatore straordinaria e ricca di successi, Zidane ha saputo riabilitare da allenatore un'immagine sporcata dalla testata a Materazzi nella finale del Mondiale 2006, atto finale del suo percorso in campo. Ora sono già 11 i titoli vinti in cinque stagioni da allenatore con il Real Madrid, due da subentrato.

Da qualsiasi parte lo si voglia osservare, si scrive Zidane e si legge trionfi. A suo modo, senza la creazione di un personaggio social o la presunzione di inventare un nuovo modo di giocare a calcio, il tecnico francese ha portato al Real Madrid il suo unico credo: la vittoria, con stile se possibile. E con la Liga conquistata in rimonta sul Barcellona in questa stagione, sono già i 11 i titoli con i Blancos, tre in meno del leggendario Miguel Munoz, l'allenatore più vincente nella storia del club. In pratica un trofeo conquistato ogni 19 partite disputate.

Ma come l'ha vinto questo campionato il tecnico francese? A dispetto dei nomi altisonanti in giro per l'Europa, Zidane ha fondato il suo successo sulla solidità difensiva. Al resto hanno poi pensato le qualità individuali dal centrocampo in su e una gestione del gruppo - a differenza di quanto accaduto al Barcellona - da masterclass, come sempre. A prescindere dai tantissimi gol di Sergio Ramos, la squadra di Zidane dopo l'addio di Cristiano Ronaldo ha fatto della fase difensiva ordinata e solida il punto di forza e non è un caso che proprio il Real sia la squadra che ha incassato meno gol tra i top club in Europa (23). Pagando qualcosa in attacco viste le sole 68 reti realizzate, ma concedendosi il lusso di poter vincere senza doversi affidare a goleade e riportando Karim Benzema al livello di stagione da Mvp nella Liga per numero di gol, assist e qualità nelle giocate.

Ora i tifosi a Zizou chiedono un mezzo miracolo: ribaltare il contestato 1-2 interno nell'andata degli ottavi di Champions League contro il Manchester City e provare nuovamente a vincere la coppa dalle grandi orecchie, diventando il primo allenatore ad alzarla quattro volte. Con queste armi però, anche in casa del City, l'impossibile può diventare possibile. E Zizou lo ha dimostrato proprio in questa Liga, "più sentita della Champions" a detta dello stesso tecnico.

Un campionato vinto con una trionfale rimonta senza i pezzi pregiati della rosa, per un motivo o per l'altro, e costruito valorizzando giocatori fondamentali come Ramos e Benzema, appunto, ma dati sul viale del tramonto con troppo anticipo secondo i piani di Zizou. Nel trionfo in Spagna infatti non va dimenticata l'assenza di Eden Hazard, la star frenata dagli infortuni, ma anche di Gareth Bale, ai margini del progetto, e Luka Jovic, l'acquisto oneroso della scorsa estate rivelatasi un flop anche fuori dal campo.

La vittoria di serietà, allenamento e concentrazione prima ancora della baldoria nel tempo libero. E non è un caso che in questo Real Madrid siano stati protagonisti ben otto dei giocatori già presenti all'inizio del primo ciclo di Zidane al Real Madrid, quello iniziato nella finale di Champions di Milano contro l'Atletico. "Il merito è tutto dei giocatori. Io faccio il mio, ma sono loro che ci hanno creduto" ha commentato Zidane dopo il trionfo. Sintesi perfetta del suo modo normale di vivere lo straordinario.

Giocatore Zinedine Zidane Allenatore
(cinque stagioni)
3 Campionati (Liga-Serie A) 2
1 Champions League 3
2 Supercoppa Europea 2
2 Mondiale per club/Intercontinentale 2
3 Supercoppa nazionale 2

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments