Osvaldo rifiuta il Chievo e sceglie la musica

L'attaccante argentino annuncia di voler lasciare il calcio giocato per dedicarsi alla sua band

Osvaldo, Lapresse

Pablo Daniel Osvaldo cambia vita. Dopo aver vinto uno scudetto con la Juve e aver segnato oltre 100 gol in carriera, l’attaccante argentino ha deciso di lasciare il mondo del pallone per dedicarsi completamente alla carriera musicale. A confermarlo, a “4-4-2”, Pierpaolo Marino: “Ha smesso per seguire la sua passione”. L’ultima squadra a provarci era stato il Chievo, Campedelli aveva offerto un biennale da 2,5 milioni o un contratto annuale da 1,5.

Nell’ultima giornata di mercato, “El Loco” era stato proprosto a diversi club anche se nessuno di questi sembrava convinto. Gli unici a fare un’offerta ufficiale erano stati i clivensi, in cerca di un centravanti per completare il reparto. La doppia offerta del presidente Campedelli non ha convinto Osvaldo, che ha poi reso noto di voler lasciare il calcio giocato. Adesso per il bomber si aprono le porte del mondo musicale con la sua band. In Italia ha vestito le maglie di Atalanta, Lecce, Fiorentina, Bologna, Roma, Juventus e Inter. L’ultima esperienza, prima di appendere gli scarpini al chiodo, Osvaldo l’aveva fatta in Argentina con la maglia del Boca Juniors. Avventura finita male, visto che dopo soli cinque mesi gli era stato rescisso il contratto per cattiva condotta. Noto per i suoi comportamenti sopra le righe, Osvaldo è sempre stata una rockstar fuori dal campo.

TAGS:
Calcio
Osvaldo
Musica
Chievo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X