Conte: "Io venduto per 8 palloni"

Il tecnico del Chelsea: "Quando passai al Lecce, a 13 anni, aggiunsero anche 200mila lire"

  • A
  • A
  • A

Antonio Conte sorride nel pensare alla valutazione da record di Pogba. Così nell'intervista al Sun: "Quando ero piccolo giocavo per il club di mio padre Cosimino, la Juventina Lecce, lui era il proprietario, l'allenatore, il magazziniere, faceva tutto. A 13 anni, il Lecce mi ha comprato, insieme a uno dei miei compagni di squadra. Siamo stati pagati con otto palloni, tre perfino sgonfi. Ma erano costosi e hanno aggiunto anche 200mila lire".

Per poi aggiungere: "Devo ringraziare soprattutto mio padre perché era molto duro, soprattutto con me. Spesso mi urlava contro, mentre con gli altri bambini no. Gli chiedevo perché, ma oggi ho capito".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments