Caso Neymar, richiesta shock della procura: due anni di carcere

Pene detentive anche per i genitori del brasiliano e per l'ex presidente del Barça Sandro Rosell

  • A
  • A
  • A

Nuovo capitolo nel caso Neymar. La Procura dell'Audiencia Nacional, l'alta corte di giustizia spagnola, ha chiesto due anni di reclusione e 10 milioni di euro di multa per il fuoriclasse del Barcellona, nell'ambito del procedimento penale riguardante il suo trasferimento dal Santos ai Blaugrana. Pene detentive sono state richieste anche per i genitori di Neymar e per gli ex presidenti di Santos e Barcellona, Odilio Rodrigues e Sandro Rosell.

Per Rodrigues la procura ha chiesto tre anni di carcere, due a Neymar Senior, mentre un anno è quanto l'accusa vorrebbe far scontare alla mamma del giocatore, Nadine Santos. Addirittura cinque anni di reclusione la richiesta nei confronti di Rosell, presidente blaugrana all'epoca del trasferimento del brasiliano.

Il comunicato della Fiscalìa è solo l'ultima tappa di un processo che era stato riaperto a settembre proprio dall'Audiencia Nacional su richiesta del fondo DIS, che deteneva il 40% del cartellino di Neymar quando giocava al Santos. Lo scorso 7 ottobre era stato chiesto il rinvio a giudizio per tutte le persone coinvolte. Le accuse sono sempre quelle di corruzione e frode fiscale: secondo i legali di DIS il Barcellona e il Santos si erano accordati per nascondere il reale valore dell'acquisizione e non pagare al fondo quanto dovutogli.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments