GERMANIA

Bundesliga: Lipsia fermato a Wolfsburg, sorride il Dortmund

Favre vince 2-1 a Mönchengladbach e porta i suoi al secondo posto, scavalcando Schick e compagni, che non vanno oltre lo 0-0

  • A
  • A
  • A

Nel 25esimo turno di Bundesliga il Borussia Dortmund vince in casa del Borussia Mönchengladbach. Decisivi Hazard all'8' e Hakimi al 71'. A Wolfsburg i Bullen sono fermati sullo 0-0. Un risultato che consente al Borussia Dortmund di scavalcare in classifica proprio il Lipsia: i renani sono ora secondi a quota 51 punti. Al Mönchengladbach non basta il gol di Stindl: perdono e si trovano quinti a causa del 4-0 tra Bayer Leverkusen ed Eintracht Francoforte.

WOLFSBURG-LIPSIA 0-0
Nagelsmann fa un po' di turnover in vista del ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Tottenham: vanno ad esempio in panchina Werner e Dani Olmo. Gioca invece Schick, ma l'ex Roma non ha molti palloni da sfruttare, anche perché il Lipsia decide di lasciare la palla ai padroni di casa, preferendo un atteggiamento più accorto. La gara è equilibrata, con molti duelli soprattutto a centrocampo, e vede una leggera supremazia del Wolfsburg sul piano delle occasioni. La più grande capita sul sinistro di Mehmedi, ben respinto da Gulacsi sul finire del primo tempo, mentre per il Lipsia sono da annotare le chances per Poulsen e Schick. Nella ripresa Nagelsmann rompe gli indugi e inserisce Werner e Olmo, ma il Wolfsburg tiene botta e anzi flirta con il gol sopratutto con un tiro dalla distanza di Arnold e con quello di Schlager: a un minuto dal 90' l'austriaco gode di estrema libertà in area avversaria, ha tutto il tempo di controllare e aggiustare la mira solo, ma conclude malamente a lato. Finisce dunque senza reti, il Lipsia rimane secondo ma fallisce l'aggancio in vetta al Bayern Monaco.

BORUSSIA MÖNCHENGLADBACH-BORUSSIA DORTMUND 1-2
L'attesa è tutta per il match tra Bayern Monaco capolista e Augsburg, ma si muovono le acque alle spalle della prima in classifica. In particolare il Borussia Dortmund fa il colpaccio contro il Borussia Mönchengladbach, portandosi al secondo posto. La giornata di gloria per i nerogialli inizia all'8': Haaland serve Hazard al centro dell'area, il numero 23 dei renani calcia di sinistro e trova l'angolino basso a sinistra, portando avanti i suoi. Un gol pesante: il Lipsia ha pareggiato e per il Dortmund vittoria significa sorpasso e secondo posto. Il Mönchengladbach deve reagire e lo fa: Stindl insacca sugli sviluppi di un corner, battuto al 50' da Pléa. Un pareggio che ai casalinghi può andar bene, ma sta stretto agli ospiti. Gli uomini di Favre spingono a partire dalla metà del primo tempo, ma la retroguardia di casa è attenta, Sommer su tutti. Al 71', però, la rete che salva il Dortmund: Sancho innesca Hakimi, che infila il 2-1 di destro dal limite dell'area piccola. Sul finale, l'ospite Haaland sbaglia la rete del tris ma poco cambia: i tre punti vanno al Borussia Dortmund.

BAYER LEVERKUSEN-EINTRACHT FRANCOFORTE 4-0
Il Bayer Leverkusen sale a 47 punti in classifica travolgendo l'Eintracht sin dalle battute iniziali, andando infatti in vantaggio già al 4': Diaby cavalca sulla sinistra e pesca con un cross rasoterra Havertz, lasciato colpevolmente solo dai centrali ospiti. Il talentuoso centrocampista chiude in spaccata trovando il sesto centro in Bundesliga, il nono stagionale con la maglia del Bayer. Il raddoppio arriva al 15', quando un filtrante di Wendell imbecca sulla sinistra Paulinho, che mette in mezzo un pallone invitantissimo, solo da spingere in porta per Bellarabi. Dominio totale delle Aspirine, nella ripresa si scatena Paulinho, autore di una doppietta personale: al 49' segna con un'azione personale dopo un pallone perso banalmente dalla difesa dell'Eintracht, al 55' realizza il poker con un tocco di qualità su assist smarcante di Havertz. Il brasiliano esulta inchinandosi alla BayArena: per lui è già il terzo gol in campionato, e dire che è solo la prima da titolare quest'anno. Che il talento brasiliano sia finalmente esploso?

SCHALKE 04-HOFFENHEIM 1-1
A Gelsenkirchen si affrontano due squadre in crisi di risultati. Schalke e Hoffenheim non hanno mai vinto nelle ultime quattro giornate di campionato e avrebbero bisogno dei tre punti per consolidare la loro candidatura all'Europa. Gli ospiti, alla prima gara dopo il caso degli striscioni offensivi contro il proprietario Dietmar Hopp, vanno sotto a causa del gol di McKennie (20'): il centrocampista statunitense controlla palla fuori dall'area di rigore, converge dalla destra, salta due uomini e batte il portiere Baumann con il sinistro. L'Hoffenheim, dopo un gol annullato per fuorigioco, pareggia al 69' con Baumgartner, che su schema da corner sfrutta una sponda di Hubner. In classifica, lo Schalke rimane sesto ma la lotta rimane apertissima: con la vittoria del Friburgo ci sono quattro squadre in soli due punti. E il Colonia è a -3 ma con una gara in meno.

FRIBURGO-UNION BERLINO 3-1
Riprende la corsa all'Europa del Friburgo, che batte facilmente in casa l'Union Berlino. Rossoneri in vantaggio al 31' con un colpo di testa di Sallai su azione da calcio d'angolo. Bravo l'ungherese ad anticipare la difesa e l'uscita del portiere avversario. Il raddoppio arriva al 55' grazie a un grande sinistro sotto l'incrocio da parte di Gunter, appena dentro l'area. Protagonisti incontrastati i calci piazzati: da corner, l'Union prova a riaprire il match con il terzo tempo imperioso di Andersson (61'), ristabilisce il doppio vantaggio la zuccata di Koch (82'), ben imbeccato da una punizione di Grifo, autore anche dell'assist dell'1-0. Nel finale l'Union rimane in dieci per il rosso a Friedrich. In classifica, Friburgo settimo in compagnia del Wolfsburg a quota 36, l'Union naviga in acque tranquille con 30 punti.

HERTHA BERLINO-WERDER BREMA 2-2
Avvio-choc per l'Hertha, subito sotto di due reti. Il Werder va infatti avanti con Sargent (3'), autore di una bella azione personale e di un gran tiro con il mancino, e raddoppia al 6' grazie a Klaassen, che di testa punisce un'uscita imbarazzante del portiere Kraft. L'Hertha, con Piatek ancora titolare e sostituito al 78', si riorganizza e accorcia le distanze con il colpo di testa di Stark su punizione battuta da Plattenhardt. Al 60' il gol del 2-2: lo firma Cunha con un tap-in vincente, dopo che Kapino aveva respinto alla grande una conclusione di Mittelstadt. In classifica, Hertha 12esimo insieme all'Eintracht, il Werder resta penultimo dopo aver accarezzato una vittoria che in campionato manca dal 18 gennaio.

RISULTATI E CLASSIFICHE

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments