BUNDESLIGA

Bundesliga: poker per Dortmund e Lipsia, vince il ‘Gladbach

Doppietta di Haaland nel 4-0 rifilato al Friburgo, stesso punteggio per i biancorossi su un disastroso Schalke. Festeggia anche l'altro Borussia, avversario di Champions dell'Inter

  • A
  • A
  • A

Si rialza in Bundesliga il Borussia Dortmund, che batte 4-0 il Friburgo grazie anche alla doppietta del solito Haaland: in rete anche l’ex Juventus Emre Can. Stesso punteggio per il Lipsia, che rovina la prima di Baum sulla panchina dello Schalke e si porta per il momento in testa assieme all’Eintracht. Vincono anche il Werder Brema e il Mönchengladbach, prossimo avversario dell'Inter in Champions. Bayer fermato 1-1 dallo Stoccarda.

BORUSSIA DORTMUND-FRIBURGO 4-0
Al Signal Iduna Park, il Dortmund trova il secondo successo interno, aperto al 31' dal diagonale del solito Haaland, che approfitta di un filtrante di Reyna e con il sinistro batte Muller. Nel secondo tempo, dopo pochi minuti, il Dortmund raddoppia al 47’ con il colpo di testa dell'ex Juventus Emre Can, che da calcio d'angolo battuto ancora da Reyna trova il 2-0. Il tris arriva nuovamente con Haaland, che al 66’ sfrutta il terzo assist di giornata dell’americano classe 2002 Giovanni Reyna e chiude la partita. Nel recupero, l’attaccante ex Salisburgo si invola in contropiede e regala a Passlack il pallone del 4-0.

WERDER BREMA-ARMINIA BIELEFELD
La partita viene decisa nel primo tempo da Bittencourt, che prima trova la rete al 21’, annullata però dal Var per fuorigioco, poi fissa il risultato finale con una girata in area su sponda volante di Mbom. Nella ripresa, Pavlenka difende i tre punti con un grande intervento sul colpo di testa ravvicinato di Klos. Nel finale, il Werder sfiora il raddoppio con il neoentrato Chong, ma il suo tiro è respinto sulla linea. Brivido nel recupero, con l’Arminia che vede annullarsi l’1-1.

COLONIA-BORUSSIA MONCHENGLADBACH
A Colonia, il Monchengladbach, prossimo avversario dell’Inter in Champions, indirizza la partita dopo soli 16 minuti: al 14’, infatti Plea riceve da Hoffmann, servito da un gran lancio di Sommer, e fulmina Horn sul primo palo. Neanche due minuti dopo, arriva il raddoppio con Lainer, che con un colpo di testa sul primo palo da calcio d’angolo trova il 2-0. Stindl trova il tris su calcio di rigore, poi Rexhbecaj accorcia all’84’ con un mancino dalla lunga distanza, ma è troppo tardi.

EINTRACHT FRANCOFORTE-HOFFENHEIM
In attesa dell’Augsburg, l’Eintracht è solo in vetta alla Bundesliga grazie alla vittoria in rimonta ottenuta sull’Hoffenheim, che nella seconda giornata aveva travolto 4-1 il Bayern. Kramaric apre le marcature al 18’ con un sinistro all’incrocio dei pali. I padroni di casa la ribaltano nella ripresa: Toure sfiora il pari al 50’, ma cinque minuti dopo arriva l’1-1 con il tap-in di Kamada su assist di Dost, che al 71' risolve una mischia in area depositando in rete il gol del 2-1, che vale la vittoria finale e il momentaneo primo posto con 7 punti.

STOCCARDA-BAYER LEVERKUSEN
Alla Mercedes-Benz Arena, l’avvio di partita vede protagonista l’ex romanista Patrik Schick, che prima sblocca al 7’ su colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, poi è costretto ad uscire dopo 18 minuti per un infortunio, mentre lo Stoccarda colpisce un legno al 29’ con Mavropanos. Nella ripresa, il Bayer spreca numerose chance per il raddoppio con Diaby, due volte vicino al 2-0, Alario e Bellarabi. Al 76’, la doccia fredda per il Leverkusen: punizione di Klement e colpo di testa di Kalajdzic, che regala l’1-1 allo Stoccarda.

LIPSIA-SCHALKE 4-0
Nonostante il cambio alla guida tecnica, con Manuel Baum al posto dell’esonerato David Wagner, è sempre più nera la crisi dello Schalke: la terza sconfitta in tre partite arriva contro il Lipsia, che almeno per una notte si gode la testa della classifica, in coabitazione con l’Eintracht. I biancorossi ci mettono un tempo per chiudere la pratica: al 31’ una sfortunata autorete di Bozdogan sblocca il tabellino, quattro minuti dopo uno splendido colpo di testa in tuffo di Angelino permette ai padroni di casa di raddoppiare, nel recupero del primo tempo Orban indovina un’altra incornata vincente sfruttando una pennellata dalla fascia di Halstenberg. Nella ripresa, nonostante i continui attacchi, bisogna attendere l’80’ per il poker: a firmarlo, su rigore assegnato per un mani in area dell’ex Fiorentina Nastasic, è proprio Halstenberg, che completa con un gol in proprio la festa biancorossa.

RISULTATI E CLASSIFICHE

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments