Atalanta quarta: 2-0 all'Udinese

Due gol in tre minuti tra l'82' e l'85' valgono tre punti e quarto posto. Palo di De Paul per i friulani

  • A
  • A
  • A

L'Atalanta ha battuto 2-0 l'Udinese nel primo Monday Night della 34a giornata di Serie A salendo da sola al quarto posto, l'ultimo disponibile per la qualificazione Champions, a quota 59 punti. Una sfida dominata dai nerazzurri di Gasperini che dopo diverse occasioni respinte da Musso, e sfiorando la beffa con il palo colpito da De Paul al 72', hanno sbloccato il match all'82' con il rigore di De Roon. All'85' Pasalic ha chiuso i conti.

LA PARTITA La missione non è ancora del tutto compiuta, ma la settimana che ha vissuto l'Atalanta è già da ora da Champions. La Dea di Gasperini è quarta, dominando e soffrendo nel 2-0 all'Udinese, ma mettendo un piede avanti a tutti nella rincorsa ai piedi del podio. Novanta minuti di gioco veloce e triangolazioni che, complice anche le fatiche di Coppa Italia, si sono scontrati con la poca lucidità negli ultimi metri fino all'episodio decisivo all'82' con il calcio di rigore conquistato da Masiello e realizzato da De Roon. Tre punti fondamentali nell'ultima "in casa" prima dell'esilio forzato a Reggio Emilia, un chiaro avviso al resto della ciurma: l'Atalanta fa sul serio. Per l'Udinese, invece, una sconfitta che mantiene complicata la corsa alla salvezza (+4 sull'Empoli) ma che ha lasciato intravedere buoni segnali di condizione fisica e mentale.

Per il resto la cronaca è quella di una delle tipiche sfide dell'Atalanta davanti al proprio pubblico in questa stagione. Non si è arrivati ai 47 tiri toccati contro l'Empoli (senza segnare), ma anche contro l'Udinese gli undici di Gasperini - pur privo di Ilicic - hanno saputo trovare tempi e modi per impensierire la retroguardia friulana. La serata di Musso si è rivelata impegnativa fin da subito con i voli sul colpo di testa di Gosens e il destro al volo da fuori di De Roon ad esaltarne le qualità. Poi ci ha pensato Pasalic a sfiorare il vantaggio per la Dea, lasciando a uno scavetto di Lasagna in ripartenza l'unica vera occasione per l'Udinese nel primo tempo.

Nella ripresa Gasperini ha provato a mescolare le carte togliendo un difensore, Mancini, per inserire un attaccante, il classe 2001 Piccoli, arretrando nella linea difensiva l'olandese De Roon come primo regista arretrato. Un 3-4-3 con Zapata largo e Piccoli a fare sportellate in centro che ha tolto un po' di pressione e fisicità dai dintorni di Gomez, sempre più libero di inventare da regista avanzato e appoggiarsi agli esterni, facendo piovere occasioni per i compagni. Prima lo stesso Piccoli debolmente, poi Gomez e Hateboer e infine Zapata non sono riusciti ad abbattere il muro friulano e i guanti di Musso, poi però - dopo un palo di De Paul nella seconda occasione di serata per l'Udinese - è arrivato l'episodio decisivo con l'atterramento di Masiello da parte di Sandro che ha concesso a De Roon - glaciale - di realizzare l'1-0 dagli undici metri. Tre minuti dopo il raddoppio di Pasalic è la ciliegina sulla torta su assist di Zapata.

LE PAGELLE Gomez 7 - Non trova il gol ma è comunque l'anima tecnica e caratteriale della squadra. Senza Ilicic tutto il gioco offensivo passa dalla sua fantasia, gli assist per i compagni non mancano.

De Roon 7 - Mediano, difensore centrale di destra e sempre in appoggio alla manovra. L'olandese si ritrova una maschera di sangue sul volto, ma prima è glaciale nel realizzare il rigore più pesante del campionato.

De Paul 6 - L'occasione più ghiotta dei friulani si infrange sul palo dell'argentino. Prova a dare il via alle ripartenze bianconere, ma non sempre è preciso.

Musso 7 - Limita il passivo con grandi interventi che - almeno fino a otto minuti dalla fine - spaventano i tifosi atalantini. Sui due gol non può fare niente, ma ne evita almeno tre.

Zapata 7 - Non segna, ma fa segnare. In corsa per la classifica marcatori lascia il rigore a De Roon e fornisce l'assist a Pasalic. Chapeau


LE STATISTICHE

L'Atalanta è imbattuta da nove partite di Serie A: è la striscia aperta più lunga tra le squadre di questa competizione.
Soltanto una volta gli orobici hanno conquistato tre vittorie di fila contro l'Udinese in Serie A, tra il 1952 e il 1953.
Soltanto la Juventus (35) ha raccolto più punti dell'Atalanta (31) in Serie A nel 2019.
Soltanto il Marsiglia (10) ha incassato più gol dal dischetto dell'Udinese (nove) in questa stagione nei Top-5 campionati europei.
L'Atalanta non ha subito gol in tre delle ultime quattro partite di campionato: tante quante in tutte le precedenti 20 di questa Serie A.
Solo l'Empoli (cinque) ha racimolato meno punti dell'Udinese (otto) nelle trasferte di questo campionato.
Secondo gol in questa Serie A per Marten de Roon, e secondo in carriera nel massimo campionato dal dischetto (il primo nell'aprile 2018 contro la SPAL).
Mario Pasalic ha segnato tre gol nelle ultime cinque partite di campionato, dopo che ne aveva realizzato soltanto uno (alla prima di questo torneo) nelle prime 24.

IL TABELLINO ATALANTA-UDINESE 2-0
Atalanta (3-4-1-2):
Gollini 6; Mancini 6 (1' st Piccoli 6), Palomino 6, Masiello 6,5; Hateboer 6, Freuler 6 (33' st Dijmsiti 6), De Roon 7, Gosens 6,5 (19' st Castagne 6); Pasalic 6,5; Gomez 7, Zapata 7. A disp.: Berisha, Rossi, Reca, Ibanez, Cambiaghi, Pessina, Ilicic, Barrow. All.: Gasperini 6,5.
Udinese (3-5-2): Musso 7; Larsen 6,5, De Maio 6 (27' st Nuytinck 5,5), Samir 5,5; D'Alessandro 5,5 (39' st Okaka sv), Mandragora 5,5 (29' st Badu 5), Sandro 5, De Paul 6, Zeegelaar 5,5; Lasagna 5,5, Pussetto 5. A disp.: Nicolas, Perisan, Hallfredsson, Wilmot, Micin, Teodorczyk. All.: Tudor 6.
Arbitro: Giacomelli
Marcatori: 37' st rig. De Roon, 40' st Pasalic
Ammoniti: Zeegelaar, Samir (U)
Espulsi: nessuno

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments