TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

Mediaset Premium

Tacconi: "Buffon doveva spaccare la faccia all'arbitro"

L'ex portiere: "Sarebbe stata la grande fine di una carriera stupenda"

Tacconi: "Buffon doveva spaccare la faccia all'arbitro"

"Sapendo di smettere, avrei spaccato la faccia all'arbitro. Sarebbe stata la grande fine di una carriera stupenda". Dichiarazione senza giri di parole per Stefano Tacconi sulla reazione di Gigi Buffon al Bernabeu dopo il rigore fischiato al Real Madrid. L'ex portiere della Juve, sempre sopra le righe, non è d'accordo con la decisione dell'arbitro Oliver: "Non puoi dare un rigore così al 95°. Psicologicamente tutti sono in tensione e non puoi dare un rigore così", ha detto intervendo a RMC Sport nella trasmissione Maracanà.

Tacconi non risparmia neanche Collina: "È in malafede, c’è stato un arbitro corruttibile, come fece contro la Juventus a Perugia. E’ in malafede e si deve cambiare il designatore degli arbitri europei ogni 2-3 anni. Quando ha vinto la Roma, tutte le squadre italiane a complimentarsi. Quando perde la Juve, sono tutte contro e questo mi dispiace molto".

Sul resto della stagione della Juventus infine ammette: "Il Napoli avrebbe preferito che la Juventus andasse avanti. Ora saranno più concentrati e non ce ne sarà per nessuno. La rabbia compatterà tutti e si punterà a Scudetto e Coppa Italia".

ASCOLTA LE DICHIARAZIONI

TAGS:
Tacconi
Buffon
Juventus

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X