Tennis, US Open: mal di schiena fatale, Federer fuori ai quarti contro Dimitrov

Lo svizzero saluta New York, dove non vince dal 2008: il bulgaro lo sconfigge 3-6 6-4 3-6 6-4 6-2 al quinto set

  • A
  • A
  • A

Con l'eliminazione di Novak Djokovic, sembrava scontata la finale tra Roger Federer e Rafa Nadal, ma per lo svizzero gli US Open, torneo in cui non vince dal 2008, continuano a essere stregati. Complici anche dei problemi alla schiena, King Roger saluta il torneo ai quarti: Grigor Dimitrov lo batte al quinto set per 3-6 6-4 3-6 6-4 6-2. Tra le donne, passeggiata per Serena Williams, che vola in semifinale dopo il 6-1 6-0 a Qiang Wang.

Era la sua nemesi, anche se a dire il vero Roger Federer può essere la kryptonite di molti tennisti del circuito. Però Grigor Dimitrov era un caso particolare: contro il campione svizzero non solo aveva sempre perso, ma aveva conquistato solo due set in sette partite. Per questo motivo il bulgaro sembra quasi non crederci al momento di esultare con il pubblico. Federer dal canto suo esce a testa bassa, vittima di un infortunio alla schiena che lo ha tormentato nel corso del match. Eppure parte bene, prendendosi subito il break decisivo per vincere il primo set, chiuso sul 6-3. Nel corso della partita, tuttavia, Federer commette troppi errori non forzati: 12 nel secondo set, 19 nel quarto e 13 nell'ultimo. In tutta la gara, Roger somma 60 gratuiti contro i 41 di Dimitrov. Numeri pesanti, che spiegano il 6-4 del secondo set in favore del bulgaro e sono conseguenza di una condizione fisica approssimativa. Nel terzo set Federer ha la meglio per 6-3 ma rischia un controbreak pericoloso nel penultimo game, nel quarto parziale lo svizzero deve fermarsi per il dolore alla schiena e abbandona il campo con il fisioterapista. Torna perché si chiama Federer, ma di Federer c'è solo il nome: quando Dimitrov affonda, il fenomeno di Basilea rimane spesso immobile, e anche il servizio cala notevolmente di livello (61% di punti con la prima nel quarto set, 64% nell'ultimo). Se poi il bulgaro annulla quattro palle break sul 5-4 e porta il match al quinto set, per Federer è notte fonda anche sotto il profilo mentale. Infatti l'ultimo parziale scorre via in 28 minuti (6-2). Il bulgaro, che sfiderà Daniil Medvedev, è il giocatore con il numero di ranking più alto (78) ad aver raggiunto una semifinale degli Slam negli ultimi 11 anni.

IL TABELLONE FEMMINILE

Tra le donne, un match mai iniziato: Serena Williams è un carro armato contro Qiang Wang e si guadagna le semifinali con un clamoroso 6-1 6-0 in appena 44 minuti, con 25 vincenti a 0 in favore della statunitense e un totale di 50 punti a 15. Un allenamento con l'arbitro, in pratica. Con questo successo Williams è per la 38esima volta in semifinale di uno Slam. Tra lei e la vittoria numero 24, con cui raggiungerebbe Margaret Court, c'è anzitutto Elina Svitolina.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments