Tennis: nuova operazione all'anca per Andy Murray

Lo scozzese: "Fiducioso che presto non sentirò più dolore. Spero di tornare presto"

Continua il calvario per Andy Murray. Il tennista scozzese ha annunciato su Instagram di essersi operato per la seconda volta all'anca, che nella scorsa stagione gli ha creato non pochi problemi. "Mi sono sottoposto ad un nuovo intervento all'anca ieri mattina a Londra e al momento mi sento un po' malconcio e indolenzito ma sono fiducioso che presto non sentirò più dolore. Adesso ho una protesi metallica all'anca e spero di tornare presto".

E' l'operazione della speranza per Murray, dopo l'annuncio shock di Melbourne quando, dopo la sconfitta al primo turno con Bautista Agut, aveva annunciato il ritiro. Sul suo profilo Instagram il britannico ha anche postato una radiografia della sua nuova anca. "Non posso continuare a fare questo" aveva detto a Melbourne il 31enne di Dunblane ammettendo di soffrire oramai da venti mesi di dolori all'anca e comunicando di aver deciso di chiudere con il tennis professionistico, possibilmente sull'erba di Wimbledon, dove ha trionfato nel 2013 e nel 2016. Il vincitore di 45 titoli Atp, tra cui tre Slam (oltre ai due 'The Championships' citati gli Us Open 2012), e due ori olimpici, a Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016, durante l'off-season a dicembre aveva parlato con il suo team preannunciando la sua decisione.

TAGS:
Andy murray
Tennis
Operazione anca

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X