Vietato correre troppo piano

Il corpo umano è come una macchina: a rallentarlo troppo si rischia di ingolfare il motore e incepparlo

  • A
  • A
  • A

Un po' come le macchine di grossa cilindrata che a farle circolare solo in città a 30 km/ora tendono ad ingolfarsi, così succede anche a chi corre: mutare troppo il gesto tecnico, rallentandolo eccessivamente può avere effetti negativi. In entrambi i casi il motore non riesce ad esprimere le potenzialità e rischia di essere utilizzato male.

Correre piano è una idea relativa a quanto è per noi il veloce, ma è certo che più si abbassa la velocità di crociera tanto più si allunga il tempo di appoggio del piede sul terreno. Il prolungarsi oltre modo del tempo di appoggio comporta una esaltazione degli eventuali difetti biomeccanici del piede e quindi tutta una serie di stress talvolta mal sopportati:

- Aumento dei tempi di appoggio. Il piede ha più tempo per pronare con tutte le conseguenze negative legate a questa possibilità

- Aumento dell'intrarotazione della tibia. Se una modesta intrarotazione è fisiologica, tempi lunghi di appoggio possono creare situazioni di stress capsulo legamentoso a livello del ginocchio

- Scarsa attivazione muscolare. La muscolatura dell'arto inferiore in generale non svolge al meglio quel ruolo antigravitazionario che gli compete con effetti negativi sulle strutture articolari ed in particolare della schiena

- Scarso utilizzo eccentrico del muscolo. Questa tipologia di lavoro avviene al meglio ai ritmi più veloci dove lo stiramento prima e l'elasticità delle fibre muscolari dopo producono un effetto con sviluppo di energia a basso costo energetico


Sono situazioni dove la corsa lenta può esaltare alterazioni biomeccaniche significative. Il mix dei due elementi può portare ad infiammazioni prima ed a patologie da sovraccarico nel tempo. 

Le precauzioni basiche sono quelle di utilizzare scarpe più stabili ai ritmi lenti e, solo nei casi nei quali è evidente un difetto di appoggio, ricorrere ad ortesi plantari correttive di buona qualità, meglio se elaborate con i sistemi cad-cam.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments