MotoGP, test Sepang: Quartararo il più veloce anche nel day-2, Marquez nono davanti a Rossi

Il francese precede la Ducati di Miller, buon quinto posto per Morbidelli. Il Dottore finisce a più di mezzo secondo, caduta senza conseguenze per Dovizioso

  • A
  • A
  • A

Fabio Quartararo si conferma il più veloce anche nel secondo giorno di test MotoGP di Sepang. Il francese, con il suo 1:58.572, batte di 69 millesimi Jack Miller. Terzo Dani Pedrosa, test-rider KTM, a +0"090. Quinto un buon Franco Morbidelli, compagno di squadra di Quartararo. Maverick Vinales sesto, mentre Valentino Rossi è decimo. Cadute senza conseguenze per Marc Marquez, 9°, e Andrea Dovizioso, 15°..

El Diablo mette ancora la sua firma in Malesia. Per il secondo giorno su due di test MotoGP sul circuito di Sepang, Fabio Quartararo centra il miglior tempo, limando di quattro decimi il riferimento cronometrico del day-1, anche perché la giornata di sole permette ai team di lavorare più serenamente e di provare tutte le novità in programma. Il francese fa registrare un 1:58.572, precedendo di 69 millesimi la Pramac di Jack Miller: tempo ottenuto con la Yamaha 2020 Spec-Factory, in pratica la stessa M1 di Maverick Viñales e Valentino Rossi, che si fermano rispettivamente al sesto e al decimo posto nonostante i time-attack del finale. Se lo spagnolo accusa un +0.321 di ritardo, il Dottore va a oltre mezzo secondo (+0.544). La casa di Iwata, che sta testando il nuovo motore, il nuovo telaio e la nuova aerodinamica, domani sarà provata anche da Jorge Lorenzo, test-rider di lusso esattamente come Dani Pedrosa, terzo con la KTM a soli 90 millesimi da Quartararo.

Vedi anche MotoGP, prima giornata di test in archivio: Quartararo va fortissimo Motogp MotoGP, prima giornata di test in archivio: Quartararo va fortissimo Quarto posto per Joan Mir (+0.159) su una Suzuki competitiva anche con il nuovo telaio, mentre il compagno di squadra Alex Rins è settimo. Buona quinta piazza per Franco Morbidelli, che gira con la M1 2020 Spec-A, che presenta una versione del motore di poco meno potente rispetto a quella provata da Quartararo, Viñales e Rossi. E Marc Marquez? Il campione del mondo, nono in classifica, non è ancora al meglio per via della spalla destra dolorante, ma non rinuncia a dare il suo contributo alla ricerca della perfezione per la sua Honda, provata anche dal fratello Alex, da Nakagami e Crutchlow. Per lui anche una caduta senza conseguenze nel finale, proprio come Andrea Dovizioso, che con la sua Ducati cerca di risolvere i problemi tecnici del day-1 e prova i telai per il 2020. La Desmosedici del vicecampione del mondo, priva delle ali nella parte bassa, chiude al 15esimo posto, a +0.770 dal leader. Fa di poco meglio il compagno di squadra Danilo Petrucci, 13esimo.

I TEMPI DELLA SECONDA GIORNATA
1. Fabio Quartararo (Petronas Yamaha), 1:58.572
2. Jack Miller (Pramac Ducati), +0.069
3. Dani Pedrosa (KTM test-rider), +0.090
4. Joan Mir (Suzuki Ecstar), +0.159
5. Franco Morbidelli (Petronas Yamaha), +0.259
6. Maverick Viñales (Monster Yamaha), +0.321
7. Alex Rins (Suzuki Ecstar), +0.406
8. Pol Espargaró (Red Bull KTM), +0.416
9. Marc Marquez (Repsol Honda), +0.525
10. Valentino Rossi (Monster Yamaha), +0.544
11. Aleix Espargaró (Factory Aprilia Gresini), +0.652
12. Cal Crutchlow (LCR Honda), +0.675
13. Danilo Petrucci (Ducati Team), +0.685
14. Francesco Bagnaia (Pramac Ducati), +0.741
15. Andrea Dovizioso (Ducati Team), +0.770
16. Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech3), +0.793
17. Alex Marquez (Repsol Honda), +1.089
18. Brad Binder (Red Bull KTM), +1.208
19. Johann Zarco (Reale Avintia), +1.253
20. Tito Rabat (Reale Avintia), +1.617
21. Sylvain Guintoli (Suzuki test-rider), +1.714
22. Takaaki Nagakami (LCR Honda), +1.775
23. Iker Lecuona (Red Bull KTM Tech3), +1.824
24. Yamaha test-rider n.3, +2.219
25. Yamaha test-rider n.1, +2.348
26. Bradley Smith (Aprilia test-rider), +2.547

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments