MotoGP: non si corre a Silverstone

L'asfalto non drena l'acqua: i piloti dicono di no

  • A
  • A
  • A

Prima volta storica! La MotoGP ha cancellato il GP di Gran Bretagna in programma oggi a Silverstone causa pioggia. Per tutto il giorno il nuovo asfalto ha continuato a non drenare a sufficienza e, dopo diversi rinvii, i piloti hanno chiesto e ottenuto di non scendere in pista. Bocciata durante il pomeriggio anche l'idea di posticipare la gara a lunedì per motivi logistici. Annullate anche le gare di Moto2 e Moto3

La pioggia era attesa ed è arrivata dopo il warm up rendendo surreale la giornata di Silverstone. Tra rinvii e polemiche, i motori sono rimasti tutti spenti in un lungo e infinito pomeriggio dove a farla da protagonista è stata l'incertezza totale.

Il via era previsto alle 12:30 (orario anticipato ieri viste le previsioni meteo), ma i piloti nel giro per portare la moto in griglia hanno riscontrato diverse criticità: troppa, per molti, l'acqua in pista. Drenaggio scarso e tante buche allagate: il nuovo asfalto realizzato a gennaio si è rivelato un vero flop. Significative anche le immagini della safety car scodare in pista. Con tutti ancora negli occhi le immagini dell'incidente di ieri di Rabat, ha vinto il buon senso. Con tutti ai box sono iniziate diversi riunioni con rinvii continui vista l'impraticabilità della pista. Bocciata quasi immediatamente anche l'idea di rinviare tutto a lunedì, giornata di festa in Inghilterra. Ducati a parte, tutti i team hanno votato a contro per colpa dei problemi logistici nel fermarsi un giorno in più sul tracciato inglese.

Alle 17 la decisione finale con diversi piloti che hanno chiesto e ottenuto di non correre. Sfumata così anche l'ipotesi di aspettare addirittura fino alle 18:30.

Leggermente stizzito Andrea Dovizioso: "Non c'è stata una riunione tra i piloti, per me è stata una gestione strana. Qualche pilota è andato a esporre la propria opinione e molti si sono accodati. C'è stato un po' di casino. Comunque le condizioni per correre non c'erano. Non punto il dito su nessuno, ma è tutto strano".

Franco Uncini della safety commission ha spiegato: "Bisognerà riasfaltare, questo è sicuro. Penso che nei prossimi giorni verrà aperta anche un'indagine.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments