MotoGP Gran Bretagna, Dovi: "Buon feeling, ma c'è lavoro da fare"

Marquez: "Yamaha qui molto forti", Valentino: "Inizio positivo"

  • A
  • A
  • A

Andrea Dovizioso è apparso soddisfatto del suo venerdì di libere a Silverstone, ma allo stesso tempo ha evitato di sbilanciarsi: "È bello di correre su questo asfalto, decisamente molto meglio di quello di un anno fa - ha spiegato il pilota Ducati - È difficile, ma molto bello. Il feeling in generale è buono, anche se sicuramente c'è da lavorare. Ci sono ancora alcune cose che dobbiamo migliorare. La scelta delle gomme? Nel pomeriggio ha fatto caldo e ne farà ancora di più sabato e domenica. Oggi abbiamo lavorato più che altro sul set up, domani avremo un quadro più chiaro. Sono in tanti ad essere veloci e non possiamo dire già ora come siamo messi per la gara. Marc e Fabio ci saranno al 100%, credo che anche Maverick e Vale siano messi abbastanza bene".

Ci crede Valentino Rossi, che vede nel GP di Gran Bretagna un'ottima occasione per ritrovare un risultato importante dopo un periodo davvero complicato: "È stato un ottimo inizio - ha detto il pilota Yamaha - Nelle ultime due gare abbiamo migliorato il feeling con la moto ed entrambe le sessioni di oggi ci hanno dato riscontri positivi. Nell'attacco al tempo finale mi sono divertito. Certo è solo venerdì, dobbiamo ancora lavorare su alcuni punti in cui non mi sento totalmente a mio agio, ma l'avvio di weekend è stato buono. Sembra che tutte le Yamaha siano in grande forma, ora dobbiamo solo lavorare bene così anche sabato e prepararci al meglio per la gara. La pista? È un grande piacere guidare qui a Silverstone. Il nuovo asfalto ha un ottimo grip, è stato fatto un grande lavoro. Ci sono molti meno avvallamenti rispetto al passato e puoi sempre andare sulla linea perfetta. La revisione del mio tempo? Sono contento che sia stata fatta, perché ero ancora sulla linea bianca, anche se per pochissimo".

Sorride anche Danilo Petrucci, nonostante un crono finale non particolarmente esaltante: "Sono contento del feeling con la moto. Abbiamo fatto un po' di prove comparative con le gomme per capire la direzione da prendere, anche se non sono riuscito a sfruttare benissimo la soft per fare il tempo nel finale, mentre altri hanno fatto dei tempi pazzeschi. C'è sicuramente un po' di lavoro da fare, ma sono soddisfatto. Dobbiamo solo mettere a posto qualcosina e capire quale pneumatico utilizzare. Il freddo ci ha avvantaggiato un pochino, ho fatto sicuramente più fatica nel pomeriggio, col caldo. Però ci sono piloti che hanno migliorato tantissimo e in più la gara sarà a quell'ora, quindi dobbiamo riuscire a crescere anche noi".

Fa un po' di pretattica Marc Marquez, che individua nelle Yamaha le moto favorite per il GP: "Sono contento di com'è andata la giornata e di come ho guidato. Sono arrivato qui con qualche dubbio, ma mi sono sentito subito a mio agio. Sicuramente le Yamaha qui vanno molto forte, ma noi siamo lì e questo è quello che conta. Qui serve una moto facile da guidare e le M1 hanno questo punto di forza. Noi e Ducati abbiamo un po' più di 'top speed', vedremo come andrà nel corso del weeekend. Al momento mi sembra che Quartararo e Vinales siano quelli messi meglio".

Venerdì di sofferenza per Jorge Lorenzo, al rientro dopo quasi due mesi in seguito al brutto infortunio alla schiena: "È stata una giornata davvero difficile. La schiena mi fa molto male ora. Ho dovuto sforzarla parecchio, perché guidare una MotoGP è fisicamente impegnativo. È dura per chi sta bene, pensate quanto può esserlo per me che ho perso massa muscolare e ho ancora una lesione in via di guarigione...Sono ultimo e psicologicamente questo è duro da accettare, ma date le circostanze è il massimo che posso fare. La priorità è non cadere e prendere questa gara come allenamento per essere più pronto più avanti. Spero di poter arrivare fino alla fine della gara, io ci proverò, senza prendere troppi rischi. Un'altra caduta sarebbe disastrosa".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments