L'IPOTESI

Milan, ipotesi Emre Can in uscita dalla Juventus

Il tedesco scottato dalla panchina in Coppa Italia: i rossoneri ci pensano

  • A
  • A
  • A

Emre Can al Milan sulla scia di Bonucci e Higuain? È possibile, tendente al probabile. La strada è quella: un centinaio di chilometri da Torino a Milano, magari con un epilogo più duraturo e soddisfacente per i rossoneri e per il diretto interessato. Che ci sta pensando. A fondo. Del resto, non gli manca il tempo, per pensarci. Anche in Coppa Italia, Sarri ha dato spazio a tutti – perfino Pjaca – meno che a lui, il tedesco che la Juventus aveva preso nel 2018 in scadenza di contratto dal Liverpool. Un affarone. E ancora oggi affare più di Ramsey e Rabiot, altri colpi “a zero” del ds Paratici nell’ultima estate.

Nei giorni più caldi di agosto, sprint di calciomercato, il Milan aveva già pensato ad Emre Can. Che però era convinto di essere ancora ben considerato dalla Juventus: se non titolare in campo, almeno da lista in Champions. Il 3 settembre, la doccia fredda: fuori dall’elenco dei 25 giocatori consegnati all’Uefa. Un trauma. Che il centrocampista non ha mai superato. Da lì in poi, ha giocato poco e obiettivamente male. A parole, Sarri ha sempre promesso di tenerlo in considerazione. Ma nei fatti, no. La goccia che ha fatto traboccare Emre Can è stata la panchina dell’altra sera in Coppa Italia. E l’interesse del Milan gli ha fatto piacere. Anzi, meglio coniugare al presente - gli fa piacere - da declinare magari al futuro.

Boban e Maldini lo stimano. Pioli pure. I rapporti tra società sono collaudati dagli affari delle ultime estati. La trattativa può prendere forma e concretezza nei prossimi giorni. Il centrocampista tedesco ha voglia di giocare a prescindere e, in particolare, per non perdere la sua nazionale. Unione d’intenti europea: il Milan per un posto nella prossima League, Emre Can per Euro2020.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments