Lazio, riparte l'assalto a Muriel

Si complica la rincorsa al Papu Gomez: il colombiano è l'alternativa

  • A
  • A
  • A

Dal Papu Gomez a Luis Muriel il passo è breve anche se decisamente non troppo economico. La Lazio continua a essere molto attiva sul mercato ma, bloccata dalle mancate cessioni, almeno per il momento, di Biglia e Keita - dai quali Lotito contava di incassare una cinquantina di milioni -, è costretta a fare di necessità virtù adeguando gli obiettivi alle proprie possibilità. Di qui il passo indietro per l'argentino dell'Atalanta, messo in cima alla lista dei desiderata da Inzaghi ma più lontano dopo la proposta di rinnovo avanzata al giocatore dai bergamaschi.

Ben inteso, la trattativa non è ancora naufragata anche se la richiesta di inserire Palombi nell'affare, giocatore su cui Inzaghi punta, non ha favorito passi in avanti. Però nelle ultime ore Tare e Lotito sono nuovamente tornati alla carica per il colombiano della Samp e hanno riaperto un canale che solo qualche settimana fa sembrava chiuso. Anche sul fronte Muriel la trattativa non è semplice. L'attaccante ha appena rinnovato il contratto con i blucerchiati firmando fino al 2021 a 1,1 milioni di euro, ma il club genovese è disposto a lasciarlo partire e, forse, anche di abbassare le pretese rispetto ai 28 milioni fissati nella clausola rescissoria. 

E' evidente che l'attaccante resti in questo momento la priorità, ma è soprattutto in mezzo al campo che i biancocelesti potrebbero avere i maggiori problemi. La questione Biglia non si sblocca e Lotito fa la voce grossa minacciando di tenerselo fino alla scadenza naturale del contratto a meno di offerte dai 20 milioni in su. Intanto, però, è costretto a pensare al futuro e non può permettersi di trascurare le piste che portano a Clasie e De Roon. Uno dei due è considerato necessario dal club e dovrebbe arrivare anche nel caso in cui Biglia resti poi a Roma. Ma con quali soldi? E qui si torna al punto di partenza. Serve almeno una cessione importante e serve, soprattutto, arrivare a un'intesa con Keita, non per nulla offerto anche all'Inter. Intesa a oggi molto difficile.

Intanto, mentre Borini sembra a un passo dal ritorno in Italia, Lotito deve fare i conti con una quindicina di giocatori in esubero. Da Kishna, seguito dal Crotone, fino a Djordjevic, Mauricio e Morrison, giusto per citare i contratti più onerosi. La nota positiva arriva da De Vrij, con cui c'è accordo sul rinnovo (due milioni di ingaggio e clausola di 30 milioni). L'olandese è il perno fondamentale del reparto arretrato e un patrimonio che la Lazio non poteva rischiare di perdere. Il resto, però, è ancora in alto mare. A meno che Biglia e Keita non portino a Lotito i soldi attesi e necessari per ridisegnare la rosa per la prossima stagione.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments