L'Inter prova l'all-in, Lukaku fuori anche contro il Leeds. Solskjaer: "Non capisco chi vuole andare via"

Ore caldissime per il futuro del belga che non figura tra i convocati anche per la seconda amichevole dello United

  • A
  • A
  • A

Nuovo giorno, nuova puntata. Il numero delle quali ormai s'è perso, ma restano comunque tante. Forse troppe. Vero è che il mercato in Inghilterra chiude l'8 agosto, ma tutto lascia supporre (e sperare) che la telonevela Lukaku si concluda ben prima. In fondo lo vogliono tutti: lo vuole sicuramente Conte, che reclama la punta richiesta per la sua Inter, e lo vuole anche lo stesso Solskjaer, tecnico del Manchester United, che vuole avere le certezze sulla rosa a sua disposzione e nel caso disporre del tempo necessario per poter rimpiazzare il belga.

Sulle presunte certezze rimbalzate ieri dalla Spagna non sono intanto arrivate in realtà conferme. Di vero, però c'è che l'Inter ha deciso di provare l'all-in, preparandosi a presentare una seconda offerta ufficiale al Manchester United che prevederebbe circa 66 milioni di euro da pagare in tre tranche annuali, più una quindicina di milioni di bonus. Una proposta ancora lontana dagli 83 milioni che i Red Devils pretendono per Lukaku ma sicuramente più allettante della prima. Complice gli impegni precampionato, United e Inter si incontreranno proprio questo sabato a Shanghai per una amichevole, ma è probabile che il club nerazzurro faccia la propria offerta prima. Anzi, novità importanti potrebbero arrivare a breve. Brevissimo

Ne è consapevole anche lo stesso manager dei Red Devils Solskjear che alla vigilia del match contro il Leeds (partita che si gioca oggi in Australia, fischio d'inizio alle 13 italiane) ha lanciato una stoccata proprio all'indirizzo del belga: "Non capisco chi vuole lasciare lo United. Evidentemente, coloro che oggi vogliono andarsene sono quelli che non c'erano quando le cose andavano bene. In questo club c'è tutto quello che un calciatore possa desiderare".

E a riprova che qualcosa sta succedendo, dice molto l'esclusione del belga dalla squadra prescelta proprio per il match contro il Leeds vinto 4-0: a differenza di quanto annunciato nei giorni scorsi, Lukaku non figurava nè tra i titolari nè tra i panchinari. Una decisione motivata con una presunta botta che l'attaccante avrebbe preso ieri in allenamento ma che presumibilmente tiene invece conto del momento delicatissimo in chiave mercato.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments