Inter a caccia del centrocampista di spessore: da Dembélé a Vidal, tutti i nomi

Cresce l'interesse per Blind del Manchester United. Continua la trattativa per Politano

  • A
  • A
  • A

Il mercato dell'Inter si muove su diverse strade parallele. Quella della ricerca delle plusvalenze per rientrare nei parametri del Fair Play Finanziario, quella della ricerca di un grande nome per il centrocampo, quella legata a Cancelo e Rafinha e quella che porta all'esterno destro d'attacco, possibilmente di piede sinistro.

La questione centrocampista è quella che più preme a Spalletti, che ha chiesto espressamente un grande nome. Per grande intende un giocatore di caratura internazionale, con qualità fisiche importanti, capace di reggere l'urto in mediana e di formare con Brozovic una coppia di livello. Identikit chiaro, che i dirigenti dell'Inter hanno circoscritto a quattro nomi: Arturo Vidal, Kevin Strootman, Radja Nainggolan e Mousa Dembélé. Quest'ultimo è il nome del momento, perché al Tottenham è già arrivata una prima concreta offerta da parte dell'Inter: 10 milioni di euro. Una valutazione tarata sull'età del belga, 31 anni (li compirà a luglio), e sul fatto che il suo contratto è in scadenza 2019.

Mousa Dembélé con l'Italia ha un rapporto che parte da lontano, dal 16 agosto 2008 quando giocava nella nazionale olimpica del Belgio e con una doppietta eliminò dalle Olimpiadi di Pechino l'Italia con una doppietta. A quell'epoca faceva il trequartista, la seconda punta. Con il tempo, ha arretrato il suo raggio d'azione, aumentato i muscoli e sviluppato un grande senso dell'ordine, della capacità di gestire i ritmi di gioco, mantenendo l'educazione del suo sinistro e una propensione a spezzare i raddoppi.

Il Tottenham non ha intenzione di svenderlo, confidando anche in un ottimo Mondiale con il Belgio. Per questo gli Spurs hanno sparato alto, chiedendo 30 milioni. Se ne riparlerà. E intanto l'Inter considera le altre strade. Quella legata a Nainggolan si inserisce nel discorso Rafinha: il belga della Roma arriverebbe, nelle idee di Spalletti, per agire da trequartista, quindi l'eventuale conferma del brasiliano (non riscattato, ma si andrà alla trattativa col Barcellona) escluderebbe il tentativo per Radja. Differente la questione Strootman, legato da una clausola da 45 milioni, che l'Inter conta di non pagare, andando a trattare al ribasso con la Roma, che ha intuito che uno tra l'olandese e Nainggolan lascerà la Capitale. Infine Vidal, in uscita dal Bayern, ma che si porta in dote uno stipendio monstre. Già l'estate scorsa aveva detto sì all'Inter, poi Suning bloccò tutto. Occhio, dal primo luglio potrebbe tornare ad essere un nome di moda.

La questione plusvalenze potrebbe avere un'accelerata attraverso un acquisto, quello di Politano. Perso Verdi, l'Inter infatti vorrebbe inserire nella trattativa con il Sassuolo - che chiede 25 milioni - giocatori come Pinamonti (già vicinissimo agli emiliani a gennaio) e Valietti, che genererebbero plusvalenze pure a bilancio. Intanto spunta un nome che potrebbe essere molto gradito a Spalletti: è quello di Daley Blind, olandese classe '90 fuori dai radar di Mourinho al Manchester United. È un vero e proprio jolly, in grado di agire come centrale, terzino o centrocampista.

Con lui si monitorano altri nomi per l'attacco, come alternative a Politano. Quello più interessante è Malcom, del Bordeaux, ma la sua valutazione è altissima: 40 milioni di euro. Intanto si cerca di piazzare qualche uscita: Nagatomo verrà riscattato dal Galatasaray, Dalbert verso il prestito al Monaco.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments