dall'olanda

Feyenoord, che gioielli! Kucku, Sinisterra, Senesi e altri talenti per la Serie A

La squadra di Slot in questa edizione di Conference ha messo in vetrina i suoi giovani gioielli. E in Serie A ci sono già molti estimatori.

  • A
  • A
  • A

La sconfitta sul campo dell'Arena Kombetare non ha impedito al Feyenoord di confermare quanto di buono mostrato in questa edizione di Conference League. La squadra di Slot è la terza forza in Eredivisie e, come spesso succede nel campionato olandese, è un'incredibile fucina di giovani talenti. Il diktat societario impone di vendere per fare cassa prima della scadenza del contratto, di conseguenza molti dei gioielli del club di Rotterdam potrebbero essere in partenza. Dalla Serie A si guarda con grande interesse, anche per il costo non estremamente proibitivo e, soprattutto, per la grande qualità vista in campo di alcuni giocatori.

Iniziamo da Kucku, osservato speciale proprio della Roma di Mourinho, che ieri ha trionfato a Tirana. Centrocampista centrale qualitativo, piedi buoni e ottima visione di gioco, adatto anche in proiezione offensiva: esattamente il profilo che il tecnico lusitano sta cercando. L'affare non sarà a buon mercato, il suo valore è di circa 18 milioni, ma l'anagrafe (2001) e le qualità giustificano in pieno l'investimento. Ad avvicinarlo ulteriormente ai giallorossi c'è il fatto che Kucku fa parte dell'agenzia CT10 Management di proprietà di Francesco Totti. Occhio però alla Lazio, che da tempo sonda il giocatore e sembra molto determinata a inserirsi nella trattativa. Per il turco potrebbe scatenarsi un derby capitolino di mercato.

C'è poi il capitolo Luis Sinisterra, esterno colombiano che è autenticamente esploso in stagione. 23 gol e 14 assist tra campionato e coppe ne determinano solo in parte il valore. Il 22enne ha una tecnica eccezionale, un mancino educato e una velocità che lo rendono appetibile ad alti livelli. Lo scorso anno già se ne accorsero Atalanta, Sassuolo e Napoli, a cui furono chiesti 15 milioni. I bergamaschi furono a un passo da chiudere, ma l'affare sfumò all'ultimo. Oggi l'esterno colombiano vale quasi il doppio, il Feyenoord si siederà a trattare solo a partire da 25 milioni

Attenzione poi a Marcos Senesi. Argentino, cresciuto nel San Lorenzo, il classe 1997 è oramai un punto saldo del Feyenoord e difensore di sicuro affidamento. Non particolarmente agile, ma molto abile in posizionamento e con i piedi, sembra essere entrato nel radar di Roma e Juventus. Allegri vede in lui per il post Bonucci, la Roma da tempo lo ha contattato per rinforzare il reparto. Anche il ct Mancini ha telefonato al difensore del club di Rotterdam per convincerlo a sposare la causa azzurra. Senesi ha origini italiane e ha il doppio passaporto, non avendo mai giocato in nazionale maggiore avrebbe potuto scegliere l'Italia, ma ha preferito aspettare la chiamata albiceleste, un suo sogno fin da bambino.

Si sono messi in mostra quest'anno anche due prodotti diretti del vivaio, che, in pieno stile orange, è molto florido di talenti. Il portiere 24enne Bijlow ha fatto vedere ottime doti sia tra i pali, che in uscita. Il suo valore già raggiunge i 13 milioni. Anche il terzino olandese, originario di Curacao, Malacia ha dimostrato di avere velocità e di poter fornire tanti assist sugli esterni. Pure lui è cresciuto a Rotterdam, il suo valore raggiunge i 12 milioni.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti