FORMULA E

Bird ringrazia la bandiera rossa e festeggia la prima vittoria con Jaguar

La chiusura anticipata della gara impedisce al poleman Frijns di portare l'ultimo attacco al primo posto dell'ex compagno di squadra.

di
  • A
  • A
  • A

Sam Bird riscatta la prestazione negativa di gara-uno e mette a segno la vittoria nel secondo appuntamento della Formula E sotto i riflettori di Diriyah. Il pilota britannico della Jaguar ha la meglio su Robin Frijns (che era scattato dalla pole position) al termine di un duello fatto di sorpassi e controsorpassi ma chiusa in anticipo da una Safety Car e poi dalla bandiera rossa.  Sul podio con Bird e Frijins anche il due volte campione Jean-Eric Vergne.

Dall'assolo di Nyck De Vries e della Mercedes in gara-uno alle sfide (ed alle traiettorie....) incrociate di gara-due, purtroppo annullate nella loro fase più calda dalla bandiera rossa che ha chiuso in anticipo la prova. Tira un sospiro di sollievo il vincitore Bird che si risparmia i patemi di una volata finale nella quale alle sue spalle Robin Frijns ed i piloti DS Techeetah non avrebbero lasciato nulla di intentato. 

Dopo aver seguito come un'ombra l'olandese Frijns (autore della superpole) nei primi minuti di gara, Bird ha iniziato a pensare seriamente alla possibilità di replicare la sua vittoria in gara-uno a Diriyah nel 2019. Passato al comando e poi di nuovo risuperato da Frijns, il numero uno della Jaguar è riuscito a farsi trovare pronto (anzi, primo...) nel momento in cui la Safety Car ha incolonnato il gruppone delle Gen 2 per riportare ordine dopo i danni prodotti dallo speronamento di Tom Blomqvist (NIO) da parte di Max Guenther (BMW Andretti). Gara purtroppo chiusa con un paio di minuti (più un giro) di anticipo e gradino alto del podio per Bird davanti a Frijns - che recriminerà per giorni sull'occasione mancata - ed a Jean-Eric Vergne che chiude bene un weekend saudita fino a quel momento "orribile". Gara-due ha in effetti rappresentato una bella svolta positiva per DS Techeetah. Il team cinese campione in carica costruttori piazza nei quartieri alti della classifica anche Antonio Felix Da Costa. Anche il portoghese rimedia in gara-due alle amarezze della prova d'esordio e chiude ai piedi del podio, al termine di una sfida "intestina" con il compagno di colori JEV che ha vissuto un paio di momenti da cuore in gola, più che altro per il "muretto box" Techeetah. Envision Racing mette nel bilancio comunque positivo di gara-due il quinto posto di Nick Cassidy (migliore degli esordienti) in scia alle Techeetah stesse, mentre Sergio Sette Camara e Nico Muller seguono in sesta e settima posizione: un buon risultato di squadra per Dragon Penske Autosport. Spariscono invece dai quarteri alti le Audi di Renè Rast e Lucas Di Grassi (decimo e dodicesimo) e stentano ad uscire dall'anonimato le Nissan (nono Oliver Rowland, ritirato Sebastien Buemi). Non pervenuta la Porsche che non va oltre la coda della classifica con Pascal Wehrlein e Andrè Lotterer.

Esaurito il programma del weekend anticipato" di Diriyah, il Mondiale di Formula E tira il fiato in attesa di uno degli  appuntamenti di maggior prestigio del proprio calendario, ancora in divenire causa Covid: il GP elettrico di Roma, in programma tra un mese e mezzo: sabato 10 aprile. Nella Città Eterna si presenterà da leader della classifica generale piloti Nyck De Vries che - come tutto il contingente Mercedes (team ufficiale EQ e ROKiT Venturi) ha pagato l'esclusione dalle qualifiche  e quindi lo start in fondo al gruppo causato dal misterioso incidente di Edoardo Mortara (Venturi, appunto), in coda al terzo turno di prove libere. Quattordicesimo al traguardo, De Vries comanda con 29 punti, seguito da Bird (25), dal connazionale Frijns (22) , dall'italoelvetico Mortara (18) che non ha preso il via proprio a causa dell'incidente nelle libere e dalla coppia formata - a quota 15 - da Vergne  e da Mitch Evans (tyerzo in gara-uno con l'altra Jaguar). Tra i Costruttori invece il ruolo della lepre spetta a Jaguar Racing (40 punti), davanti a Mercedes EQ (33), Envision Virgin (32) e DS Techeetah (27).

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments