FORMULA E

Agag: "Un team italiano in Formula E? Interessante, ma complicato"

"L'accordo prevede un massimo di 12 squadre, chiunque voglie entrare deve acquistarne una"

  • A
  • A
  • A

Nei giorni scorsi si è parlato del possibile arrivo nel mondiale di Formula E di una squadra italiana, sostenuta da Gianfranco Pizzuto. Il presidente Alejandro Agag è stato intervistato sull’argomento dal sito specializzato tedesco e-Formel.de. Queste le sue parole. Non ho molte informazioni in merito, ho solo ricevuto una mail di questo gruppo interessato alla Formula E. Ma non è un’operazione semplice perché ci sono 12 squadre nel campionato e non possiamo aumentarne il numero perché il nostro accordo ha messo un tetto a 12 team. Se questo gruppo ha davvero intenzione di entrare in Formula E deve comprare una squadra tra quelle esistenti, ma ho l’impressione che nessuno sia disposto a vendere al momento, ha detto.

Vedi anche Formula E, si candida il primo team italiano Formula E Formula E, si candida il primo team italiano “Aggiungo che ultimamente il costo di un team è salito molto e dovrebbero essere pronti a staccare un assegno sostanzioso. Ma con loro non ho ancora parlato, dovrei farlo nei prossimi giorni. E’ comunque positivo questo interesse per la Formula E. Resta il fatto che se vuoi entrare devi per forza comprare un altro team”, ha aggiunto.

Vedi anche Sempre e solo Günther: è il dominatore della Formula E virtuale Formula E Sempre e solo Günther: è il dominatore della Formula E virtuale

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments